Ultima Recensioni di prodotti

Non ci sono ancora recensioni dei prodotti.

ultimi ordini

  •  
    ELISABETTA, Lesa, Italy
  •  
    JOSEPH, Gladwyne, United States
  •  
    valentina, villaperuccio, Italy
  •  
    Birgitta , Bagarmossen , Sweden
  •  
    HELEN, Rotterdam, Netherlands
  •  
    Radmila, Banatsko Veliko Selo, Serbia
  •  
    Nermin, JÖNKÖPING, Sweden
  •  
    Debby, Vorselaar, Belgium
  •  
    Marlis, Kaufbeuren, Germany
  •  
    Ayca, Sidcup, United Kingdom
  •  
    Andrea, Perugia, Italy
  •  
    sean, Calgary, Canada
  •  
    Dariusz, Kraków, Poland
  •  
    Jutta, Wittislingen, Germany
  •  
    Arnaud, ST ELLIER DU MAINE, France
  •  
    Jürgen, Beichlingen, Germany
  •  
    Alex, Pforzheim , Germany
  •  
    pierre, San Luis/balearen, Spain
  •  
    Birgit, Traismauer, Austria
  •  
    MÁRCIA , RIO DE MOURO, Portugal
  •  
    Carla, Braga, Portugal
  •  
    Cristina , Lisboa , Portugal
  •  
    Traute, Bielefeld, Germany
  •  
    Pia, Knivsta, Sweden
  •  
    Christophe, Tubize , Belgium
  •  
    Goran, Vrsac, Serbia
  •  
    Tara, Wabasha, United States
  •  
    Beate, Mahlberg, Germany
  •  
    Emi, Barcelona, Spain
  •  
    Caroline, Salaberry-de-Valleyfield, QC, Canada

Più venduti

Ci sono 271 prodotti.

Visualizzati 1-12 su 271 articoli

Prodotto più venduto
Semi di Papaya o Papaia Nana Indiano Miniatura

Semi di Papaya o Papaia...

Prezzo 3,00 € SKU: V 22 M
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Papaya o Papaia Nana Indiano Miniatura</strong></h2> <h2><strong><span style="color:#ff0000;">Prezzo per confezione da 10 , 100 semi.</span></strong></h2> <div><strong>Papaya Nano è una papaia in rapida crescita si raggiunge solo 170 cm a 200 cm ma orsi frutti grandi come 1 kg in 6-8 mesi dal seme.</strong></div> <div></div> <div>La Papaya (Carica papaya L.) è una pianta originaria dell'America Centrale, molto duffusa in Brasile e nelle Isole Hawaii. Nel Mediterraneo viene coltivata in Israele e, in Italia, solo in Sicilia, dove deve essere coltivata, nel periodo invernale, sotto serra, con notevoli problemi per la produzione.</div> <div>Appartiene alla Famiglia delle Caricaceae, genere Carica, specie Papaya L.</div> <div>Pianta suberacea, generalmente monocaule, con foglie grandi e con lungo picciolo. </div> <div>La papaya presenta una biologia fiorale molto complessa.</div> <div>Vi sono piante dioiche e piante con fiori ermafroditi.</div> <div>Se il polline dei fiori ermafroditi feconda oosfere di piante ermafrodite o femminili, si ottengono piante con fiori ermafroditi o femminili, mentre se il polline di piante maschili feconda oosfere di piante femminili, si hanno piante maschili, femminili ed ermafrodite. Il dimorfismo dei fiori è molto evidente; infatti quelli femminili, solitari o riuniti in piccoli gruppi e ascellari, sono di colore giallo chiaro, mentre quelli maschili, inseriti su lunghi racemi ascellari, hanno una corolla monopetala giallo chiara a forma di tubo. Il frutto è una bacca caratterizzata da forma e dimensioni molto variabili, più o meno aranciato che racchiude piccoli semi neri, ricoperti da una pellicola mucillaginosa.</div> <div>Varietà</div> <div>Le varietà di maggiore interesse sono "Solo", "Kapoho Solo" e "Sunrise", tutte con frutti di peso inferiore ai 0,5 kg.</div> <div>Tecniche colturali</div> <div>E' una pianta estremamente esigente nei confronti del terreno, che deve essere sciolto e permettere una rapida percolazione dell'acqua al fine di evitare marciumi radicali e al colletto; la temperatura non deve mai scendere sotto i 0°C.</div> <div>La Papaya è propagata per seme, allevata secondo forme naturali e con sesti di 3 x 3 metri; non richiede operazioni di potatura. Concimazioni: 120/130 g/pianta di azoto, 80 g di fosforo e 140 g di potassio. Trae beneficio particolare dalla concimazione organica. Le piante, una volta attuato l'impianto, possono essere capitozzate e rinnovate con uno dei tanti germogli.</div> <div>Produzioni</div> <div>La raccolta dei frutti viene effettuata a mano, da novembre a giugno. Le produzioni possono raggiungere anche i 150 q.li/ha.</div> <div> <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"><tbody><tr><td colspan="2" width="100%" valign="top"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds / Cuttings</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0.5 cm</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>about 25-28 ° C</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>2-4 Weeks</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>regular watering during the growth period + dry between waterings</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. All Rights Reserved.</em></span></p> </td> </tr></tbody></table></div>
V 22 M
Semi di Papaya o Papaia Nana Indiano Miniatura

Questa pianta ha frutti giganti
Semi di Giglio D'ACQUA GIGANTE - Lotus (Victoria amazonica) 2.25 - 11

Semi di Giglio D'ACQUA...

Prezzo 2,25 € SKU: F 78
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><span style="font-size: 14pt;"><strong>Semi di Giglio D'ACQUA GIGANTE - Lotus (Victoria amazonica)</strong></span></h2> <h2><span style="color: #f80101;"><strong><span style="font-size: 14pt;">Prezzo per Pacchetto di 1 semi.</span> </strong></span><span style="color: #f80303;"><strong> </strong></span></h2> <p><span>Victoria amazonica (Poepp.) Sowerby, 1850 è una pianta acquatica della famiglia delle Nymphaeaceae, originaria del bacino dell'Amazzonia.</span></p> <p><span>Ha foglie di dimensioni piuttosto grandi, fino ai 3 metri di diametro con gambi di 7-8 metri di lunghezza. La specie è nativa delle acque poco profonde del bacino del Rio delle Amazzoni. La prima notte dopo essere sbocciati, i suoi fiori sono bianchi, e dalla seconda notte in poi assumono una colorazione rosa; il loro diametro raggiunge i 40 cm e sono impollinati dai coleotteri.</span></p> <p><strong><span>Esposizione</span></strong></p> <p><span>Va esposta ai raggi diretti del sole</span></p> <p><strong><span>Fioritura</span></strong></p> <p><span>Avviene in estate</span></p> <p><strong><span>Concimazione</span></strong></p> <p><span>Non ha bisogno di concimazioni.</span></p> <p><strong><span>Potatura</span></strong></p> <p><span>Non ha bisogno di potature</span></p> <p><strong><span>Malattie</span></strong></p> <p><span>Possibile presenza di afidi da combattere con appositi medicinali. Questi parassiti danneggiano i magnifici fiori.</span></p> <p><strong><span>Particolarità</span></strong></p> <p><span>Va coltivata in acqua, non tollera il freddo, è la specie più grande della categoria ninfee.</span></p> <p><strong><span>Temperatura</span></strong></p> <p><span>La temperatura dell'acqua dev'essere tra i 21 e i 30°C., a seconda della specie.</span></p> <p><strong><span>Substrato</span></strong></p> <p><span>Va coltivata in grandi vasche riscaldate dove la profondità dell'acqua permetta una buona crescita</span></p> <h2><span>Come si semina e si coltiva la Victoria Amazonica</span></h2> <p><span>Si effettua tramite il metodo della semina. I semi vanno messi in vasetti con terricico da giardino, successivamente vanno immersi in acqua; quando le piantine sono maneggiabili, si trapiantano in vasi di dimensioni maggiori immergendoli in acqua ad una profondità di 45 cm ed una temperatura intorno ai 23°C. Con la comparsa del fogliame adulto va effetuato un rinvaso ed è possibile aumentare la profondità dell'immersione fino ad arrivare ad un metro.</span></p> <h2><span><strong>Video:</strong><br /></span></h2> <h2><strong><span style="color: #f40303;"><a href="https://www.youtube.com/watch?v=9HI0Aq-QGXM" target="_blank" class="btn btn-default" rel="noreferrer noopener"><span style="color: #f40303;"> How To Grow Lotus From Seeds </span></a></span><br /></strong></h2> </body> </html>
F 78
Semi di Giglio D'ACQUA GIGANTE - Lotus (Victoria amazonica) 2.25 - 11
Semi di fagiolo di velluto...

Semi di fagiolo di velluto...

Prezzo 2,85 € SKU: P 88 MP
,
5/ 5
<h2 class=""><strong>Semi di fagiolo di velluto (Mucuna pruriens)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 5 semi.</strong></span></h2> <p><i><b>Abbiamo in offerta Mucuna pruriens con semi bianchi e neri. Scegli sotto l'opzione colore semi colore.</b></i></p> <p><i><b>Mucuna pruriens</b></i><span> </span><small>(L.)<span> </span>DC.</small><span> </span>è una<span> </span>pianta<span> </span>della<span> </span>famiglia<span> </span>delle<span> </span>Fabacee<span> </span>(o Leguminose)<sup id="cite_ref-TPL_1-0" class="reference"></sup></p> <p>È un<span> </span>legume<span> </span>nativo dell'Africa tropicale e dell'Asia, ampiamente naturalizzato e coltivato. La pianta è conosciuta localmente con molti nomi facenti spesso riferimento al prurito ed alla irritazione, che è recata dal contatto con le foglie ed i baccelli. Ha valore d'uso agricolo e orticolo ed ha una gamma di proprietà medicinali.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Descrizione">Descrizione</span></h2> <p>La pianta è un arbusto rampicante volubile (si avvolge ai supporti come i fagioli) annuale con fusti che possono raggiungere oltre<span> </span><span class="nowrap">15 m</span><span> </span>di lunghezza. Quando la pianta è giovane è quasi completamente ricoperta di peli, ma allo stato adulto diviene pressoché glabra. Le foglie sono tripennate, ovali od obovate, a volte romboidali, i bordi delle fogliole sono spesso fortemente scanalati con apici appuntiti.</p> <p>I<span> </span>fiori<span> </span>sono raccolti in grappoli pendenti lunghi da 10 a<span> </span><span class="nowrap">32 cm</span>, i fiori sul grappolo di norma sono piuttosto numerosi, (minimo 3-5). I piccioli fiorali sono brevi e nascono all'ascella di piccole foglie del grappolo. I petali violacei o bianchi sono lunghi da 2,5 fino a<span> </span><span class="nowrap">3,8 cm</span>.</p> <p>I<span> </span>baccelli<span> </span>si sviluppano sull'asse del grappolo con una lunghezza da 4 a<span> </span><span class="nowrap">13 cm</span>, ed una larghezza da 1 a<span> </span><span class="nowrap">2 cm</span>. Ogni baccello ha fino a sette semi. La buccia del baccello è molto pelosa con<span> </span>peli<span> </span>fitti di colore giallo arancio.</p> <p>I<span> </span>semi<span> </span>sono appiattiti di forma ellissoide, quasi rotondi (da 1 a<span> </span><span class="nowrap">1,5 cm</span><span> </span>asse minore, fino a 1,9 cm asse maggiore, per uno spessore da 0,4 a<span> </span><span class="nowrap">0,7 cm</span>. Il peso secco dei semi è da 55 a<span> </span><span class="nowrap">85 g</span><span> </span>per 100 semi.</p> <p>L'ilo (la base del funicolo che collega la placenta al seme) è circondata da un evidente arillo.</p> <p>L'imponente effetto irritante e pruriginoso dei peli è dovuto ad un<span> </span>alcaloide, la<span> </span>mucunaina.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Usi">Usi</span></h2> <p><i>M. pruriens</i><span> </span>è una pianta da<span> </span>foraggio<span> </span>diffusa nelle zone tropicali. A tal fine, l'intero pianta è somministrata agli animali, come fieno secco o sotto forma di semi. Il fieno secco contiene il 11-23% di proteine grezze (con il 35-40% di fibre grezze), i semi (fagioli) secchi contengono fino a 25-30% di proteine grezze.</p> <p>La pianta è coltivata in<span> </span>Benin<span> </span>(Africa), ed in<span> </span>Vietnam<span> </span>(Asia) per la limitazione biologica della<span> </span><i>Imperata cylindrica</i>, considerata gravemente infestante.<span class="chiarimento" title="Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Modifica la pagina per aggiungere fonti."></span><sup class="noprint chiarimento-apice" title="Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Modifica la pagina per aggiungere fonti.">[<i>senza fonte</i>]</sup></p> <p>Per contro in alcuni parchi naturali della<span> </span>Florida<span> </span>la Mucuna è ritenuta invasiva, dato che occupa terreno smosso e disturbato marginale, in sostituzione della flora naturale.</p> <p>I semi secchi, tostati sono stati usati come succedaneo del caffè.</p> <p>La pianta, e soprattutto i semi, contengono la<span> </span>L-dopa<span> </span>(levodopa) aminoacido intermedio alla via metabolica umana per la<span> </span>dopamina.</p> <p>La pianta è commestibile per l'uomo dopo cottura (sia i germogli freschi, che i fagioli). I germogli o i semi devono essere messi a macerare in acqua per mezz'ora, 48 ore prima della cottura, oppure l'acqua di cottura deve essere cambiata più volte. La presenza della L-dopa in quantità massiccia è tossica, con la macerazione o la sostituzione dell'acqua di cottura si permette il percolamento della L-dopa e la trasformazione in prodotto adatto al consumo umano.</p> <p>Il consumo senza trattamento è ammesso per tutti gli animali ruminanti, mentre non è ammesso (tossico) per tutti gli altri animali non ruminanti (cavalli, maiali, pollame).</p> <h2><span class="mw-headline" id="Usi_medicinali">Usi medicinali</span></h2> <table class="noprint disclaimer"> <tbody> <tr> <td> <div class="center"> <div class="floatnone"><img alt="Avvertenza" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f7/Nuvola_apps_important.svg/27px-Nuvola_apps_important.svg.png" decoding="async" title="Avvertenza" width="27" height="23" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f7/Nuvola_apps_important.svg/41px-Nuvola_apps_important.svg.png 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f7/Nuvola_apps_important.svg/54px-Nuvola_apps_important.svg.png 2x" data-file-width="600" data-file-height="500" /></div> </div> </td> <td><i>Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico:<span> </span>leggi le avvertenze.</i></td> </tr> </tbody> </table> <p>Le sue proprietà medicinali variano da<span> </span>afrodisiaco<span> </span>(nell'ayurveda), a cura per il trattamento della<span> </span>malattia di Parkinson, a causa dell'alto contenuto naturale in<span> </span>levodopa.</p> <p></p> <script src="//cdn.public.n1ed.com/G3OMDFLT/widgets.js"></script>
VE 178 B (5 S)
Semi di fagiolo di velluto (Mucuna pruriens)

Varietà della Bosnia ed Erzegovina

Questa pianta ha frutti giganti
Semi di prugna bosniaca...

Semi di prugna bosniaca...

Prezzo 2,55 € SKU: V 197 BS
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di prugna bosniaca gigante (Prunus domestica)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;" class=""><strong>Prezzo per Pacchetto di 5 (6,5g) semi.</strong></span></h2> <p>Questa varietà proviene dalla Bosnia e molto resistente alle malattie. Ci siamo imbattuti per caso in questa susina nel cortile di un contadino e siamo rimasti subito colpiti dalle dimensioni e dal gusto di questa varietà.</p> <p>Sfortunatamente, il proprietario non sapeva quale fosse il nome della varietà, sapeva solo come dirci che questa varietà di prugne era stata piantata dal suo bisnonno e che da allora questa prugna è stata mantenuta e piantata regolarmente in modo che questa varietà si diffonda e conserva il più possibile.</p> <p>Gli abbiamo chiesto come questa prugna tollera l'inverno e le basse temperature, e lui ha risposto che la temperatura nel loro villaggio scende a meno 24 gradi Celsius, e questo non era un problema per questa prugna.</p> <p>I frutti sono davvero enormi e pesano in media dai 70 agli 85 grammi per frutto.</p> <p>Il susino europeo o prugno europeo (Prunus domestica L., 1753) è una pianta della famiglia delle Rosacee che produce i frutti noti col nome di susina o prugna.</p> <p>Il frutto contiene le vitamine A-B1-B2 e C e alcuni sali minerali: il potassio, il fosforo, il calcio e il magnesio. La polpa della susina è utile al fegato per compiere il processo della secrezione biliare.</p> <p>L'albero del pruno ha la tipica forma ad ombrello o ad alberello.</p> <p>Talvolta nodoso, presenta fiori solitamente bianchi che sorgono già all'inizio della primavera.</p> <p>I frutti di forma ovale o sferica variano a seconda delle specie, possono giungere sino a 8 cm di grandezza e sono solitamente di sapore dolce, anche se alcune varietà si presentano aspre e necessitano di essere cotte con zucchero per essere commestibili. Tutte le varietà di frutti di Prunus contengono al loro interno un seme di notevoli dimensioni, che non è commestibile.</p> <p>&nbsp;<strong>Produzione</strong></p> <p>Questo frutto si raccoglie da giugno a ottobre, con la possibilità di ottenere fino a cinque raccolte. Per stabilire il grado di maturazione si valuta il grado rifrattometrico, la resistenza della polpa (misurata col penetrometro), il rapporto solidi solubili/acidità totale e infine la variazione del colore di fondo della buccia. La prima raccolta è generalmente la migliore, fino ad arrivare poi alle ultime che presentano frutti di seconda qualità. Data la natura organolettica della polpa conservare in frigo questo frutto si rivela quasi inutile, in quanto la polpa tende ad imbrunire.</p> <p>&nbsp;La coltivazione del susino avviene generalmente secondo le seguenti tecniche:</p> <p>vaso basso (sesti 5,5 x 3 m)</p> <p>palmetta irregolare (4,5 x 3 m)</p> <p>palmetta libera (4,5 x 3 m)</p> <p>Per quanto riguarda l'irrigazione, si dimostra fondamentale durante il periodo di fioritura. La potatura è diversa in base alla specie. Per il susino europeo è importante lasciare una buona quantità di gemme.</p><script src="//cdn.public.n1ed.com/G3OMDFLT/widgets.js"></script>
V 197 BS (6,5g)
Semi di prugna bosniaca gigante (Prunus domestica)
Semi di Bambù Gigante Madake (Phyllostachys bambusoides)  - 3

Semi di Bambù Gigante...

Prezzo 1,95 € SKU: B 6
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><span style="font-size: 14pt;"><strong>Semi di Bambù Gigante Madake (Phyllostachys bambusoides)</strong></span></h2> <h2><span style="color: #ff0000; font-size: 14pt;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 5 semi.</strong></span></h2> <p>Anche se nativo della Cina, le stupefacenti proprietà meccaniche e la capacità di adattarsi a varie zone climatiche, hanno portato il Phyllostachys Bambusoides a diffondersi da secoli in buona parte dell’asia, principalmente in Giappone, dove è il Bambù Gigante più coltivato e utilizzato. Dal Giappone viene infatti il suo nome più famoso: Madake, che tradotto dal Giapponese significa Bambù Comune. In occidente è conosciuto anche come Japanese Timber Bamboo, ovvero Bambù Giapponese da Legname.</p> <p>In tutta l’Asia la canna grezza è utilizzata da secoli per la costruzione di strutture portanti, in Giappone era essenziale per le coperture dei grandi templi e palazzi, e ancora oggi è l’unico materiale con cui si realizzano i flauti tradizionali Buddhisti (Shakuhachi), e le spade per combattere nell’arte marziale del Kendo (Shinai).</p> <p>Dalla seconda metà del 900 si è diffuso nel resto del mondo per utilizzi industriali, principalmente negli Stati Uniti e in Australia.</p> <p><strong>Descrizione</strong></p> <p>Il bambù gigante  Madake  è una specie che prospera principalmente in climi temperati, ma può sopportare – senza alcuna modificazione genetica – temperature da+40° a – 26° C.</p> <p>Resiste alle gelate, e per la sua resistenza meccanica può sopportare carichi di neve sulle sue cime senza spezzarsi o piegarsi, come succede con altre specie endemiche di zone più calde.</p> <p>Il Madake può sopportare neve o sole cocente per mesi, e questo lo ha portato a diffondersi in un’ ampia zona del pianeta.</p> <p>Queste caratteristiche  fanno del bambù gigante Madake uno dei principali candidati per la coltivazione in tutta Italia.</p> <p>Riduce l’effetto serra, combattendo il riscaldamento globale: i bambuseti sono fabbriche di fotosintesi, riducono i gas responsabili dell’effetto serra, infatti le piante di bambù gigante assorbono circa 5 volte la quantità di biossido di carbonio e producono circa il 35% in più di ossigeno, a parità di proporzioni, di una foresta di latifoglie o conifere.</p> <p>Un ettaro di Bambù gigante Madake cattura in un anno 17 tonnellate di carbonio, grazie all’enorme e perenne superficie fogliare.</p> <p>La presenza massiccia di silicio e carbonio assorbito dall’atmosfera, fa sì che i suoi germogli debbano essere bolliti per il consumo alimentare, onde eliminare il retrogusto amaro che hanno da crudi. Questo tipo di trattamento è comunque comune a tutte le specie di Bambù, unica eccezione è il Phyllostachys Dulcis, detto anche Sweetshoot (Germoglio Dolce), proprio perchè è l’unica specie che può essere consumata cruda.</p> <p>L’aspetto più sorprendente del bambù gigante Madake è rappresentato dalle straordinarie proprietà meccaniche: la resistenza a tensione delle sue fibre può toccare i 12.000 kg/cm2,  quasi due volte quella dell’acciaio, supera addirittura il calcestruzzo nella resistenza a compressione. Sta diventando sempre più competitivo sul mercato delle costruzioni green e per le sue caratteristiche un laboratorio di ricerca di Singapore, costituito da un team svizzero-asiatico, il Future cities laboratory, in collaborazione con l’Istituto federale svizzero di tecnologia di Zurigo, sta testando il bambù nel cemento armato, proprio al posto dell’acciaio.</p> <p>Altri valori:</p> <p>Resistenza meccanica alla compressione: 780 kg/cmq</p> <p>Resistenza meccanica alla trazione: 2480 kg/cmq</p> <p>Peso specifico: 700 kg/m3</p> <p>L’altezza dei culmi di una piantagione avviata, va dai 15 ai 20 metri.</p> <p>Il diametro varia da 8 ai 15 cm.</p> <p>É la specie di bambù gigante con il tempo di fioritura più lungo: 130 anni circa. La fioritura, per un Bambuseto equivale a una “morte momentanea“: i culmi si seccano per lasciare luce e spazio alla nuova generazione, ma i semi cadono sul terreno riformando il bambuseto nel giro di pochi anni, senza l’intervento dell’uomo.</p> <p>L’ultima fioritura del bambù gigante Madake è avvenuta nel 1970, per cui, se la natura lascia il suo ciclo invariato, la prossima fioritura avverrà nel 2100.</p> <p>I germogli completano la loro crescita diventando fusti in soli 60/90 giorni.</p> <p>La qualità del suo legno è superiore – per durezza, resistenza meccanica e durabilità – a quella del Rovere.</p> <p>I culmi si sviluppano con diametro uguale dalla base alla punta, senza deformazioni tipiche di altre specie di Bambù Gigante.</p> <p>Il Madake è la specie di Bambù Gigante con il maggiore spessore della parete legnosa. Per fare un esempio, un culmo di Dendrocalamus Giganteus (la specie più grande in assoluto) di 25/30cm di diametro, generalmente ha una parete legnosa dello stesso spessore di un culmo di Madake di 12/15cm.</p> <p>I germogli possono pesare fino a 1 kg, e rappresentano un prelibato alimento, ricco di minerali e vitamine, apprezzato dalla cucina orientale ed occidentale. E’ d’obbligo precisare che i germogli di grande pezzatura si riscontrano in foreste adulte dopo opportuni diradamenti atti ad ottenere culmi di grande dimensione e altezza, adatti per il legname.</p> <p>Relativamente più lento nella crescita rispetto ai Bambù giganti impiantati in zone tropicali, resta comunque una delle piante a più rapida crescita nel mondo, fra le prime specie dei climi temperati.</p> <p>E’ anche ignifugo: quando il bambù è verde difficilmente brucia, anche se fosse ha la forza necessaria, grazie alla rete di rizomi e al fogliame molto alto, per continuare a generare nuove canne ogni anno.</p> <p>Il bambù gigante Madake contiene sostanze naturali antibatteriche e antimicotiche che bloccano lo sviluppo di dannosi parassiti e non richiede l’utilizzo di pesticidi.</p> <p><strong><em>Ambiente e coltivazione</em></strong></p> <p><strong>1. Tipologia del terreno</strong></p> <p>Il bambù gigante Madake si adatta a quasi tutte le tipologie di terreno, fra le varie specie di Phyllostachys esportate nel mondo è quella con le capacità di adattamento più elevate. Cresce bene anche in montagna: le foreste di Madake si estendono dai tropici alle regioni più temperate: Cina, Giappone, Himalaya, Europa e Nord America, con una distribuzione che va dal livello del mare fino a 4000 mt di altitudine.</p> <p>Essendo un Phyllostachys di tipo Runner, i rizomi “strisciano” ad una profondità di 20-30 cm. e pertanto non necessita di terreni profondi, può essere coltivato anche in presenza di bancate rocciose e falde acquifere.</p> <p>Sono da evitare terreni non drenanti con ristagni d’acqua in superficie e terreni confinanti con stagni salmastri.</p> <p>Viene usato anche per risanare terreni o acque reflue inquinate, per via dei suoi effetti “fitodepurativi”.</p> <p>Il Madake prospera anche in terreni leggermente alcalini e sopporta il calcare, sempre che non sia dominante.</p> <p>Il terreno ideale per coltivare la maggior parte dei Phyllostachys di tipo Runner è un terreno fresco, leggero e ben drenato con pH variabile da leggermente acido a neutro, fino ad arrivare ad uno leggermente alcalino. Il bambù gigante Madake è comunque la specie di bambù  che meglio si adatta alle varie composizioni di terreno.</p> <p>Come per tutti i Bambù che superano i 2 metri di altezza, è altamente consigliata l’esposizione a pieno sole</p> <p><strong>2. Preparazione del terreno</strong></p> <p>Praticare un’aratura come quella effettuata solitamente per il grano: aratura (profondità 40/50cm.) da effettuare una sola volta 1-2 mesi prima dell’impianto.</p> <p>La concimazione di fondo, soprattutto organica, anche se non indispensabile a bambuseto maturo, è indicata per accelerare lo sviluppo ed ottenere buoni risultati di produzione.</p> <p>Noi consigliamo comunque una concimazione NPK in autunno e primavera: studi effettuati negli USA (vedi world bamboo organisation ) hanno documentato la necessità di dette concimazioni per ottimizzare l’accrescimento. E’ necessario però farsi assistere da esperti perchè una dose errata di fertilizzante può portare a scompensi e rallentamenti della crescita.</p> <p>Per contenere il bambuseto è sufficiente realizzare dei fossi perimetrali di circa 60-70 cm. di profondità.</p> <p>Oltre al fosso perimetrale, è bene realizzare dei sentieri di  3-4 metri di larghezza per consentire il trasporto dei culmi durante la raccolta.</p> <p><strong>3. Messa a dimora delle piantine</strong></p> <p>Eccetto i periodi di gelo intenso, il bambù gigante Madake può essere trapiantato in tutte le stagioni.</p> <p>Il periodo migliore è alla fine dell’estate e nel corso dell’autunno. Il terreno in quel periodo è sufficientemente riscaldato per permettere uno sviluppo rapido del sistema ipogeo. L’autunno, inoltre, è il periodo di crescita dei rizomi e in poco tempo il bambù attecchisce.</p> <p>Praticare buche della grandezza pari alla dimensione dei vasi;</p> <p>Dopo aver svasato e messo a dimora la pianta nel terreno, effettuare una concimazione organica localizzata a ridosso delle piante;</p> <p>Effettuare una pacciamatura attorno alle piante;</p> <p>Si consiglia la semina di azotofissatori come  erba medica, trifoglio o favino per contenere lo sviluppo delle erbe infestanti. Essendo una graminacea dominante,  le infestanti verranno completamente eliminate dal bambù durante il suo sviluppo;</p> <p>La necessità di irrigazione dovrà essere valutata in base alle condizioni climatiche della zona di coltivazione. Se vengono impiantate piante madri con rizoma già formato (consigliabile per assicurare l’attecchimento e ridurre notevolmente il sesto d’impianto e relativo costo), l’irrigazione può essere effettuata anche a pioggia, almeno sino a quando lo consentirà l’altezza della vegetazione.</p> <p>L’irrigazione è necessaria solo nei primi 2/3 anni di vita.</p> <p>Dal secondo anno in poi, il rinnovo delle foglie rappresenta una vera e propria pacciamatura e concimazione naturale: marcendo sul terreno, le foglie producono humus ed allo stesso tempo proteggono l’apparato radicale dal freddo e dalla siccità.</p> <p>Dal quarto anno in poi, l’irrigazione è consigliata solo in casi di grave siccità (4/5 mesi senza precipitazioni).</p> <p><strong>4.1 Sesti di impianto</strong></p> <p>I sesti realizzabili differiscono notevolmente in funzione della specie e, soprattutto, se vengono impiantate piantine radicate di pochi mesi, oppure piante madri fornite di apparato rizomatico già formato e pronto a produrre nuovi germogli. Il rizoma già formato garantisce un attecchimento immediato, con conseguente perdita di piante pari a zero.</p> <p>L’attecchimento immediato  garantisce un veloce sviluppo di nuovi rizomi che inevitabilmente ci daranno nuovi germogli fin dal primo anno di insediamento delle piante, senza dover aspettare 3 o 4 anni se si mettono a dimora piantine di 20 o 30 cm.</p> <p>Precisiamo che le piantine senza apparato rizomatico vengono ottenute per micropropagazione in ambiente asettico.</p> <p>Questa tecnica è sconsigliata dalla world bamboo organization perchè, una volta trasferite in campo, le piantine sono esposte a microorganismi patogeni prima che sviluppino le proprie difese naturali. Ciò può pregiudicare l’attecchimento e comunque ne rallenta la crescita.</p> <p>In Italia vengono proposti sesti che vanno dal 3 x 3 sino al 20 x 20. Se facciamo riferimento all’esperienza e alle continue sperimentazioni condotte negli USA (riteniamo attendibili soprattutto quelle praticate nell’Oregon con condizioni climatiche simili alle nostre), il sesto più adottato è 20 x 20: 400 mq a disposizione di ogni pianta madre con apparato rizomatico già sviluppato.</p> <p>Il rizoma della pianta madre, trova così lo spazio ed il terreno fertile di cui necessita, senza entrare in competizione con le altre piante.</p> <p>Per maggior chiarezza precisiamo che un sesto 5×5 produrrà molti germogli, ma nessun culmo commerciale per legname perchè lo spazio a disposizione di ogni pianta madre non ne consente lo sviluppo.</p> <p>I culmi di bambù gigante raggiungono altezze più grandi di anno in anno, aumentandone anche il diametro: vale a dire che i culmi del 4° anno saranno molto più grossi di quelli del secondo.</p> <p><strong>4.2 L’espansione della piantagione avviene nel modo seguente:</strong></p> <p>una pianta madre alta circa 2,5 metri, con 4 canne, produce tre nuovi germogli in primavera che raggiungeranno un’altezza di 3 metriRunner Propagation - ABS in 2 mesi.</p> <p>Il secondo anno queste sette canne produrranno da 5 a 10 nuovi germogli che raggiungeranno circa 5 metri di altezza con un aumento del diametro proporzionale all’altezza .</p> <p>Andando avanti al 4° anno, questa pianta avrà prodotto 60 culmi abbastanza robusti da raggiungere 15 metri di altezza. Questo perché i germogli si sviluppano in proporzione alla robustezza del rizoma e si comportano come se fossero una singola pianta madre.</p> <p>Dall’anno successivo il rizoma generato dalla prima pianta madre avrà raggiunto la robustezza necessaria per produrre germogli sempre più grossi con culmi che supereranno i 20 metri e che avranno un diametro ed uno spessore da legno pregiato.</p> <p>Facciamo bene i conti, considerando una produzione di soli 3 germogli: al quarto anno abbiamo 1200 culmi da almeno 15 metri di altezza (20×60);</p> <p>• Al quinto anno ciascuno di essi produrrà almeno 3 nuovi germogli (3×1200) = 3.600 culmi più robusti e più alti della pianta madre che li ha generati, + 1200 genitori = 4800;</p> <p>• Al sesto anno i 4.800 culmi, se lasciati sul campo, produrranno altri 14.400 germogli che diventeranno culmi da oltre 20 metri di altezza entro 60/90 giorni.</p> <p>• Dopo 6 anni avrai ottenuto 19.200 piante ! Una buona parte l’avrai già collocata sul mercato, anche per lasciare spazio ai nuovi germogli che diventeranno culmi in pochi mesi.</p> <p>Se si intende sfruttare il bambuseto privilegiando la produzione di germogli, si può giustificare un sesto molto fitto (5 x 5), ma si otterranno comunque dei germogli di pezzatura medio-piccola.  Una recente tendenza – diretta alla sola produzione di germogli alimentari – è quella di disporre le piante al centro del terreno da colonizzare: i rizomi si svilupperanno verso la periferia trovando sempre terreno fertile.</p> <p>Dal punto di vista della redditività, si consideri che da un kg. di germogli si ricavano circa 2 euro, mentre da un culmo se ne ricavano almeno 12.</p> <p>Il culmo di Madake ha una vita media di circa 20/25 anni, ciò significa più del doppio degli altri phyllostachys, infatti i culmi di altre specie hanno una vita che varia dai 5 ai 10 anni. La raccolta può essere effettuata a partire dal 3° anno dopo l’emergenza.</p> <p>La piena maturità del bambuseto di Madake si raggiunge tra i 6 e 8 anni in funzione del tipo di terreno, delle condizioni climatiche e colturali.</p> <p><strong>5.Coltivazione e gestione di un bambuseto</strong></p> <p>Il bambù gigante Madake, dopo la messa a dimora non necessita di cure particolari:</p> <p>è sufficiente assicurare il fabbisogno idrico.</p> <p>non necessita di potature</p> <p>nessuna aratura del terreno (anzi, è da evitare per non danneggiare i rizomi).</p> <p>una corretta concimazione annuale è consigliata sino a raggiungimento della maturità del bambuseto, per accelerarne lo sviluppo.</p> <p>Proprio perché non sottrae tempo prezioso, questo tipo di coltura è indicato per diversificare la produzione e trasformare la propria attività in azienda multireddito.</p> <p><strong>Raccolta e trasformazione del prodotto</strong></p> <p><strong>Germogli e Foglie</strong></p> <p>La raccolta dei germogli per uso alimentare rappresenta una sana potatura.</p> <p>I germogli completano la loro crescita diventando culmi in circa 60/90 giorni.</p> <p>Una volta sviluppata la parte “legnosa”, il germoglio non è più commestibile.</p> <p>Se tutti i germogli prodotti dal bambuseto venissero lasciati crescere, solo alcuni di essi diventerebbero culmi di grandi dimensioni: il bambuseto si autoregola in base alla proprie capacità di nutrire le nuove canne. Anche per questo motivo non concordiamo con chi propone sesti d’impianto troppo fitti.</p> <p>Il bambù gigante Madake produce i primi germogli già dal primo anno e se ne può iniziare la raccolta dopo soli 3 anni.</p> <p>In Sardegna la raccolta si effettua in primavera, a partire dal mese di aprile, sino a giugno.</p> <p>La trasformazione industriale dei germogli consente la produzione di creme alimentari e conservazione sottolio, come qualche coltivatore sta già facendo .</p> <p>Le foglie, in campo alimentare sono utilizzate per tisane, bevande, infusi.</p> <p>Le foglie, in campo cosmetico/farmaceutico sono utilizzate per  creme, shampoo, unguenti e simili.</p> <p>Esiste anche un mercato per le foglie essiccate, che vengono vendute come spezia aromatizzante</p> <p>In media, da un bambuseto viene raccolto circa il 30% dei culmi ogni anno.</p> <p>Il taglio, in Sardegna, può essere effettuato in autunno/inverno, indicativamente da ottobre a febbraio.</p> <p>Per il taglio è sufficiente una comune motosega leggera.</p> <p>L’attesa per il primo taglio dei culmi, varia a seconda della destinazione d’uso: il coltivatore può scegliere i tempi e le modalità di rientro del suo investimento:</p> <p>Per destinarlo a produzione di pellet, biomassa o multistrati leggeri, i culmi di Madake possono essere tagliati già dal terzo-quarto anno, mentre per altre specie è necessario attendere 6 – 8 anni.</p> <p>Il taglio annuale dei culmi rappresenta il 25% – 30% del totale.  Con un ettaro di bambù gigante Madake si producono circa 1000 q.li di biomassa; con il legno tradizionale per avere le stesse quantità bisognerebbe abbattere 20 ettari di bosco.</p> </body> </html>
B 6 (5 S)
Semi di Bambù Gigante Madake (Phyllostachys bambusoides)  - 3
Semi di cipolla Kupusinski...

Semi di cipolla Kupusinski...

Prezzo 1,70 € SKU: MHS 150
,
5/ 5
<meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> <h2><strong>Semi di cipolla Kupusinski Jabucar (cipolla di mela)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per confezione da 100 semi.</strong></span></h2> <p>Il Kupusinski jabučar è una vecchia varietà serba e una delle vecchie varietà preferite Il bulbo della frutta è a forma di mela (da cui il nome Kupusinski jabučar), con un collo solido e ben chiuso. Le foglie della guaina sono di colore giallo scuro. Questa varietà può essere conservata a lungo, senza perdere gusto.</p> <p>"Kupusinski jabučar" tradotto in inglese "Apple Onion aus Kupusina" (Kupusina è un villaggio in Serbia).</p> <p>La varietà medio-calda viene coltivata con successo dai semi. La massa media del bulbo della frutta è di 80-120 g.</p> <p>Il contenuto di sostanza secca è del 12-14%. Produce circa 300 mc / ha.</p> <p> <script type="text/javascript"></script> </p>
MHS 150 (100 S)
Semi di cipolla Kupusinski Jabucar (cipolla di mela)
Semi di Ciliegio giallo ‘Moscatella Gialla’ 2.05 - 1

Semi di Ciliegio giallo...

Prezzo 2,05 € SKU: V 148
,
5/ 5
<div id="idTab1" class="rte"> <h2><strong><em><span style="text-decoration:underline;">Semi di Ciliegio giallo ‘Moscatella Gialla’ (Prunus Avium)</span></em></strong></h2> <h3><span style="color:#ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di <span style="color:#ff0000;"><strong>5 </strong></span>semi. </strong></span></h3> <p>E’ proprio nelle nature morte rinascimentali che si hanno le prime informazioni di questa straordinaria varietà dai frutti giallo lucenti e dalla pezzatura media. Bartolomeo Bimbi, pittore di fiori e frutta alla corte medicea, la raffigura nel famoso quadro delle ciliege, al centro della scena. Siamo alla fine del Seicento e le moscatelle bianche o gialle che dir si voglia, vengono coltivate nella villa della Topaia, il pomario dei Medici, nella villa del Marchese degli Albizi e in Val di Sieve.</p> <p> </p> <p>Michieli cita le ciliegie bianche in alcuni dei suoi scritti. Torgioni Tozzetti riporta: Cerasus Sativa, fructu rotundo, albo, sub dulci, tenerissimo.</p> <p> </p> <p>Ma le ciliegie bianche, pur essendo abbastanza tenere, sono dei veri duroni, succosi, dal leggero aroma moscato, tale da far apparire un leggero e gradevolissimo retrogusto amarognolo.</p> <p> </p> <p>L’albero è maestoso, come tutti i P. avium, con il tronco lucido con riflessi giallognoli, inconfondibile. La fioritura è intermedia e come nella maggior parte dei ciliegi dolci, per ottenere una buona fruttificazione, è necessario un’impollinazione incrociata con altre varietà cosiddette compatibili. Possono essere buoni impollinatori il ‘Durone I di Vignola’ e il ‘Durone dell’Anella’. Il frutto matura a metà giugno al centro Italia. Va raccolto con cura in quanto la drupa è facilmente ammaccabile e consumato in breve tempo, tre-quattro giorni al massimo. È ottimo sia fresco che per speciali confetture.</p> <p> </p> <p>I frutti possiedono, come tutte le altre varietà, valori nutrizionali apprezzabili. Sono ricchi di vitamina A, C, B1 e B2, contengono proteine, sali minerali di potassio, calcio, magnesio, fosforo e numerosi oligoelementi. Tra tutte le frutta sono le meno caloriche e le più diuretiche. Hanno azione sedativa e sono adatte anche ai diabetici, in quanto contengono levulosio; sono un buon tonico e risollevano sia fisicamente che psichicamente.</p> <p> </p> <p><strong>La storia </strong></p> <p>Il ciliegio selvatico è presente nell’areale europeo fin dalle epoche preistoriche; noccioli del frutto sono stati infatti ritrovato in vari insediamenti palafitticoli dell’Europa centrale. Secondo Plinio il Vecchio, le varietà coltivate (quelle a frutto più grande), furono importate dal Ponto nel 73 a.c. Da Lucio Lucullo, console romano. Gli Egizi lo coltivavano fin dal I millennio, Aristotele e Teofrasto lo citarono nei loro scritti.</p> <p> </p> <p>Nella Roma imperiale le ciliegie erano già molto apprezzate e vendute da venditori ambulanti che per le vie dell’Urbe gridavano: “Arezzo”. Le più buone infatti allora conosciute erano quelle del Casentino e presumibilmente la varietà antica “Bella di Arezzo”.</p> <p>Il frutto fu sempre tra i più apprezzati e dal rinascimento si moltiplicarono le varietà.</p> <p> </p> <p><strong>Coltivazione </strong></p> <p>La ‘Moscatella Gialla’, detta anche ciliegia giapponese, diventa un grande albero e quindi si dovrà riservarle uno spazio di almeno 10 metri di diametro. Predilige terreni sciolti, ben drenati, ed esposizioni fresche ed asciutte. Ama molto il freddo e le temperature sotto lo zero per molti giorni l’anno. In estate, avendo un apparato radicale abbastanza superficiale, beneficia molto di copiose irrigazioni di soccorso, anche in età adulta.</p> <p> </p> <p>E’ consigliabile qualche trattamento anticrittogamico con sali di rame in inverno e propoli agricola con equiseto in fase vegetativa.</p> <p> </p> <p>La pianta non necessita di potature, in quanto non presenta alternanza di produzione ed è molto sensibile ai tagli, che favoriscono l’insorgere di gommosi.</p> <p> </p> <p>Se ne raccomanda quindi l’allevamento in forma libera.</p> <p> </p> <p>Il frutto della ‘Moscatella Gialla’ si difende più facilmente dagli uccelli rispetto alle varietà a frutto rosso o nero, proprio per il colore caratteristico che lo farebbe definire più che Prunus avium (e cioè degli uccelli), “prunus hominum”.</p> <p> </p> <p>È una varietà raccomandabile in qualsiasi frutteto di piante rare e storiche.</p> </div>
V 148
Semi di Ciliegio giallo ‘Moscatella Gialla’ 2.05 - 1

Questa pianta ha frutti giganti
Semi di Roselle Gigante...

Semi di Roselle Gigante...

Prezzo 2,75 € SKU: MHS 19 G
,
5/ 5
<h2 class=""><strong>Semi di Roselle Gigante (Hibiscus sabdariffa)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;" class=""><strong>Prezzo per confezione da 5 semi.</strong></span></h2> <div><strong><span style="color: #000000; font-size: 18px;">I frutti di questa rosella sono due volte più grandi di qualsiasi altra rosella.</span></strong><br>Appartenente alla famiglia delle Malvacee.</div> <div><strong>Descrizione</strong></div> <div>Il Carcade è un arbusto che può raggiungere i &nbsp;2 m di altezza, le foglie hanno da 3 a 5 lobuli e i fiori sono gialli o rossicci.</div> <div>Questa pianta è originaria del Sudan, e viene coltivata in Egitto, a Ceylon e nelle regioni tropicali del Messico.</div> <p><strong>Proprietà</strong></p> <p><strong>Le proprietà di questa pianta sono:</strong></p> <p>additivo naturale</p> <p>diuretico</p> <p>tonificante</p> <p>blando lassativo</p> <p>digestivo</p> <p>HIBISCUS SABDARIFFA</p> <p>L’ibisco, che viene detto comunemnete carcadè o tè rosa di Abissinia,&nbsp; fa parte della Famiglia delle Malvacee, di cui fanno anche parte la malva ed il cotone. Le parti utilizzati in Fitoterapia sono i fiori, le foglie, le radici e i semi.</p> <p>I principi attivi dell’ Ibisco sono rappresentati dalla vitmamina C, da acidi organici ( acido citrico, malico e tartrico), da mucillagini che hanno azione lassativa, da antociani con una potente azione antiossidante che va a contrastare i radicali liberi che sono responsabili di numerosi stati patologici dell’organismo umano. Dai semi di Ibisco viene ricavato un olio essenziale in cui vi sono grandi quantità di Vitamina E e di acidi grassi essenziali importanti in quanto contrastano la formazione delle placche ateromasiche nelle arterie e&nbsp; quindi agiscono abbassando i livelli di colestrolo. Le foglie dell‘Ibisco hanno proprietà emollienti, diuretiche, rinfrescanti e sedative; i fiori hanno un’azione diuretica e azione stimolante la produzione delle fibre collagene quindi con effetto antirughe; le radici, per il loro sapore amaro, sono utilizzate per la preparazione di amari e aperitivi, quindi hanno un’azione digestiva e tonica sulla mucosa dello stomaco e un’azione emolliente contro la tosse catarrale.</p> <p>&nbsp;</p> <p>Si consiglia di bere l’infuso di fiori di Ibisco nel trattamento della cellulite di primo stadio, cioè quando la cellulite è allo stadio iniziale e quindi si ha solo l’edema e la ritenzione idrica, e quando bisogna migliorare la digestione. L’ibisco non contiene principi attivi eccitanti, e può essere utilizzato dai soggetti che non tpllerano il tè ed il caffè; il decotto delle radici&nbsp; è un ottimo rimedio per la tosse.</p> <p><strong>Usi clinici dell’ Ibisco:</strong></p> <p>Nell’Astenia, tosse e asma: si consiglia di bere una tazza di decotto di radici di Ibisco 2/3 volte al giorno per cirac 1 mese.</p> <p>Nelle Vampate di calore: si consiglia di bere 2/3 tazze al giorno di infuso di fiori di Ibisco</p> <p>Nella Cellulite di primo stadio: si consiglia di bere 2/3 tazze di infuso di fiori di Ibisco al giorno e aggiungere anche un pezzetto di radice di zenzero finemente tritata.</p> <p>Nella Intolleranza alla caffeina: si consiglia di bere l’infuso ricavato sai fiori di Ibisco sia caldo che freddo</p> <p>Nelle Rughe e pelle del viso ipotonica: si consiglia di bere 2/3 tazze al giorno di infuso di fiori di Ibisco ed utilizzare lo stesso infuso come tonico dopo avere effettuato un’accurata pulizia della pelle del viso.</p> <p><strong>Preparazioni semplici di Ibisco da preparare a casa:</strong></p> <p>Infuso: mettere un cucchiao di petali di fiori essiccati di Ibisco in una tazza da tè con acqua calda, coprire e lasciare per circa 10 minuti, filtrare bene e bere. Se si vuole si può aggiungere una scorza di limone e un cucchiaino di miele.</p> <p>Decotto: mettere 2 cucchiai di radici di Ibisco in mezzo litro di acqua fredda, fare bollire a fuoco basso per 10 minuti, filtrare ed utilizzare freddo per lavaggi o frizioni.</p> <table> <tbody> <tr> <td> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>Seeds</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>0</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>Cover lightly with substrate</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>18-22°C</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>7 - 40 days</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td> <p><span>Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr> <tr> <td nowrap="nowrap">&nbsp;</td> <td> <p><br><span><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena.&nbsp;</em><em>All Rights Reserved.</em></span></p> </td> </tr> </tbody> </table>
MHS 19 G (5 S)
Semi di Roselle Gigante (Hibiscus sabdariffa)
Semi di bergamotto (Citrus...

Semi di bergamotto (Citrus...

Prezzo 3,50 € SKU: V 21 CB
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>Semi di bergamotto (Citrus bergamia)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 4 semi.</strong></span></h2> <p>Non si conosce l'esatta genesi di questo agrume; il colore giallo indicherebbe una derivazione per mutazione genetica a partire da preesistenti specie agrumarie, quali<span> </span>limone,<span> </span>arancia amara<span> </span>o<span> </span>limetta.</p> <p>Anche la sua collocazione sistematica ha generato molte controversie tra i botanici: alcuni lo classificano come specie a sé stante (Risso e Poiteau), mentre altri lo indicano come sottospecie dell'arancio amaro (Swingle). Alcune leggende fanno derivare il bergamotto dalle<span> </span>isole Canarie, dalle quali sarebbe stato importato ad opera di<span> </span>Cristoforo Colombo; altre fonti propendono per<span> </span>Cina,<span> </span>Grecia, o dalla città di<span> </span>Berga<span> </span>in<span> </span>Spagna; mentre si narra la storia del<span> </span>moro di Spagna, che per 18 scudi ne vendette un ramo ai signori Valentino di<span> </span>Reggio<span> </span>(in Calabria), i quali lo innestarono su un arancio amaro in un loro possedimento nella contrada<span> </span>Santa Caterina (Reggio Calabria).</p> <p>L'etimologia più verosimile è<span> </span><i>Begarmundi</i>, cioè<span> </span><i>pero del signore</i><span> </span>in turco, per la sua similarità con la forma della pera bergamotta<sup id="cite_ref-4" class="reference">[4]</sup>.</p> <p>La prima piantagione intensiva di alberi di bergamotto (bergamotteto) fu opera, nel 1750, del proprietario Nicola Parisi lungo la costa<span> </span>reggina, nel fondo di Rada dei Giunchi, situato di fronte l'area dove oggi si trova, nel cuore della città, il<span> </span>Lido comunale Zerbi. Originariamente l'essenza veniva estratta dalla scorza per pressione manuale e fatta assorbire da spugne naturali (procedimento detto "a spugna"), collocate in recipienti appositi (detti concoline).</p> <p>Nel<span> </span>1844, si documenta la prima vera industrializzazione del processo di estrazione dell'olio essenziale dalla buccia grazie a una macchina inventata dal reggino<span> </span>Nicola Barillà, denominata<span> </span><i>macchina calabrese</i>, che garantiva una resa elevata in tempi brevi, ma anche un'essenza di ottima qualità, se paragonata a quella estratta a spugna.</p> <p>È un albero alto tra i tre e i quattro metri, con una corona tra i tre e i quattro metri.</p> <p>I<span> </span>fiori<span> </span>sono bianchi, molto profumati. Le<span> </span>foglie<span> </span>sono lucide e coriacee come quelle dell'arancio e non cadono mai nemmeno in inverno.</p> <p>La fioritura e le nuove foglie spuntano appena finita la stagione delle piogge, all'inizio di marzo.</p> <p>Il<span> </span>frutto<span> </span>è grande poco più di un'arancia<span> </span>e poco meno di un<span> </span>pompelmo; ha un colore giallo intenso più del pompelmo e meno del limone, esternamente ha la buccia liscia e sottile come un pompelmo, è meno rotondo del pompelmo in quanto è schiacciato ai poli.</p> <p>La superficie oggi coltivata a bergamotto è di circa 1.500 ettari, con una produzione media di 100.000 kg di essenza. Per ottenere un kg di essenza occorrono 200 kg di frutti. La produzione di bergamotto nella provincia di Reggio Calabria è circa l'80% della produzione mondiale. Gli addetti del settore sono stimati in ca. 4.000 unità.</p> <p>Le piante coltivate si ricavano tramite innesto di tre rami di bergamotto su un porta-innesto di<span> </span>arancio amaro<span> </span>di un anno. Rimane in vaso per un anno e viene interrato a due anni. L'innesto e il trapianto nell'anno successivo avvengono preferibilmente a febbraio o a settembre. Ha una vita produttiva di 25 anni, comincia la sua produzione da tre anni, arriva al massimo della produttività a 8 anni e può arrivare fino a un quintale per pianta se potato (vengono tagliate le cime in modo che il frutto cresca in basso al riparo dal forte sole estivo e dal forte vento).</p> <p>La produttività è fortemente influenzata dalle temperature e dalle piogge: è un albero che non sopporta gli sbalzi in basso della temperatura e l'eccessiva o scarsa piovosità, mentre ben sopporta il caldo.</p> <p>Si pianta un albero ogni quattro metri, si ripara il terreno con dei filari di pino di elevata altezza e fitti, nel lato del terreno in direzione del mare per riparare la coltivazione dal forte vento che spira dal mare dallo stretto di Messina tutto l'anno.</p> <p>La sua zona di produzione è prevalentemente limitata alla zona ionica costiera nella<span> </span>provincia di Reggio<span> </span>a tal punto da diventare un simbolo dell'intera zona e della città. L'area coltivata a bergamotto è costituita dalla fascia costiera Calabra, molto pianeggiante e riparata dal forte vento dello stretto di Messina, grazie alle colline circostanti, per un'estensione di circa 150 chilometri e situata a circa due chilometri di distanza dal mare.</p> <p>Molto nota è l'area di coltivazione della zona di Melito di Porto Salvo (RC) e in particolare le frazioni di Prunella e Caredia (Lacco), la quale ogni anno, nel periodo tra novembre e gennaio, contribuisce con le proprie piantagioni, al maggior raccolto del frutto del bergamotto.</p> <p>Dal punto di vista climatico l'area è caratterizzata da un<span> </span>microclima<span> </span>che nelle mappe climatiche viene classificato come area "tropicale temperata umida" caratterizzata da venti medio/forti che soffiano per quasi tutto l'anno, estati calde senza pioggia, inizio primavera e fine autunno molto piovosi e inverni con temperature giornaliere quasi sempre superiori ai dieci gradi. I giorni di sole sono mediamente 300 l'anno.</p> <p>Predilige i terreni argilloso-calcarei e alluvionali.</p> <p>Viene coltivato in tre<span> </span>cultivar:<span> </span><b>femminello</b>,<span> </span><b>castagnaro</b><span> </span>e<span> </span><b>fantastico</b>. Si distinguono in particolare per i frutti: il<span> </span><i>femminello</i><span> </span>è più produttivo, ma presenta frutti più piccoli delle altre cultivar e lisci, il<span> </span><i>castagnaro</i><span> </span>è vigoroso con frutti più grossi e rugosi, il<span> </span><i>fantastico</i><span> </span>è simile al femminello ma con frutti piriformi.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Usi">Usi</span></h2> <p>I prodotti del bergamotto sono: i frutti, l'olio essenziale, il<span> </span>succo<span> </span>e la<span> </span>polpa.</p> <p>Il frutto intero normalmente non è messo in vendita al dettaglio ma utilizzato solo per la trasformazione in essenza. Intero, si trova solo dai contadini da novembre a marzo; è possibile ottenere delle spremute come si fa con gli altri agrumi (per es.<span> </span>arancio), si può tagliare a spicchi per farne delle insalate o, come per il limone, metterlo nel tè (la buccia è aromatica come quella del limone). Il suo succo è molto amaro per la presenza di<span> </span>naringina<span> </span>e sembra essere attivo, grazie al contenuto in<span> </span>polifenoli, nell'abbassare il tasso di<span> </span>colesterolo. In particolare l'effetto sarebbe da imputare alla presenza di due<span> </span>flavonoidi<span> </span><i>statin-like</i><span> </span>(con attività simile a quella delle<span> </span>statine), denominati<span> </span>brutieridina<span> </span>e<span> </span>melitidina.<sup id="cite_ref-6" class="reference">[6]</sup><sup id="cite_ref-7" class="reference">[7]</sup><sup id="cite_ref-8" class="reference">[8]</sup><sup id="cite_ref-9" class="reference">[9]</sup></p> <p>Il contenuto di<span> </span>acido citrico<span> </span>è pari a 66 g/l, tale alta quantità ha determinato negli anni passati l'utilizzo del succo come fonte di acido citrico naturale.</p> <p>Il suo utilizzo riguarda soprattutto gli oli essenziali derivati dalla buccia dei frutti nonché dai fiori, dalle foglie e dai giovani rametti. L'olio essenziale di bergamotto<span> </span>è esportato in tutto il mondo per la sua proprietà di donare una nota estremamente fresca alle composizioni di profumeria. È componente essenziale dell'acqua di colonia e delle acque di toilette, primi prodotti grazie al quale il bergamotto ha avuto un uso diffuso in tutto il mondo. Modernamente l'essenza si estrae sempre meccanicamente con macchine dette "pelatrici": tali macchine "raspano" l'esterno del frutto in corrente d'acqua ottenendo un'emulsione convogliata in centrifughe che separano per differenza di peso specifico (la densità relativa d20/4 è di circa 0,88) l'essenza dall'acqua.</p> <p>Quando non lavorata per l'estrazione dell'essenza, è possibile utilizzarne la buccia, riversa ed essiccata, per la realizzazione di piccoli contenitori. Tradizionalmente essi sono destinati all'uso come<span> </span>tabacchiere.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Danni_alla_salute">Danni alla salute</span></h2> <p>In passato, gli<span> </span>psoraleni<span> </span>contenuti nell'estratto di olio di bergamotto sono stati usati negli acceleratori d'abbronzatura e nei filtri solari. Gli psoraleni penetrano nella pelle, dove aumentano la quantità di<span> </span>danno al DNA. Questo danno è possibile nelle scottature solari ed è compresente con una maggiore produzione di melanina. Può anche portare a<span> </span>fitofotodermatosi, uno scurimento della pelle a causa di una reazione chimica che rende la pelle più sensibile alla luce UV.</p> <p>Queste sostanze sono note come<span> </span>cancerogene<span> </span>dal 1959,<sup id="cite_ref-Urbach_11-0" class="reference">[11]</sup><span> </span>ma sono state bandite dai filtri solari dopo il<span> </span>1995<span> </span>(negli USA)<sup id="cite_ref-Autier_12-0" class="reference">[12]</sup>. Sono stati inoltre proibiti in molti altri stati, dopo aver causato numerosi casi di<span> </span>melanomi<span> </span>maligni con esito fatale<sup id="cite_ref-Autier1997_13-0" class="reference">[13]</sup>. Gli psoraleni vengono ora usati solo nel trattamento di alcune patologie, come nella terapia<span> </span>PUVA</p> <p>Attraverso il processo di "defurocumarinizzazione" è possibile ridurre notevolmente il<span> </span>Bergaptene<span> </span>(5-MOP), una<span> </span>furocumarina<span> </span>fototossica e fotomutagena<sup id="cite_ref-14" class="reference">[14]</sup><span> </span>che per esposizione al sole può provocare ustioni anche agli strati cutanei più profondi.</p> <p>È preferibile acquistare in farmacia o in erboristeria l'essenza defurocumarinizzata.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Prodotti_e_utilizzi">Prodotti e utilizzi</span></h2> <h3><span class="mw-headline" id="Frutto">Frutto</span></h3> <div class="thumb tright"> <div class="thumbinner"><img alt="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/92/Bergamot_orange_cross_section_-_%284%29.jpg/220px-Bergamot_orange_cross_section_-_%284%29.jpg" decoding="async" width="220" height="165" class="thumbimage" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/92/Bergamot_orange_cross_section_-_%284%29.jpg/330px-Bergamot_orange_cross_section_-_%284%29.jpg 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/92/Bergamot_orange_cross_section_-_%284%29.jpg/440px-Bergamot_orange_cross_section_-_%284%29.jpg 2x" data-file-width="4000" data-file-height="3000" title="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" /> <div class="thumbcaption"> <div class="magnify"></div> Sezione di frutto di bergamotto</div> </div> </div> <ul> <li>giallo (frutto maturo, usato per estrarre l'olio essenziale impiegato come aromatizzante);</li> <li>verde (immaturo, usato per fare canditi e per estrarre l'olio essenziale impiegato in profumeria) e arancella (frutto del diametro di 2–4 cm immaturo, caduto alla pianta perché scottato dal sole). La cascola dei frutti immaturi, chiamata comunemente<span> </span><i>bergamottella</i>, è utilizzata per la produzione di oli essenziali poco pregiati (nero o essenza di bergamottella a seconda del grado di maturazione raggiunto) più ricchi in<span> </span>linalolo<span> </span>rispetto all'olio essenziale di bergamotto.</li> <li>verde cinerino, usato intero per alcuni liquori e per ottenere un'essenza che viene denominata<span> </span><i>Neroli</i><span> </span>o<span> </span><i>Nero di bergamotto</i>.</li> </ul> <p>I frutti non sono gradevoli da mangiare senza prima esser stati lavorati. Unico utilizzo del frutto quasi maturo o maturo, se si vuole un sapore non fastidioso (l'essenza, se assaggiata, ricorda un po' la nafta), è in spicchi, che sostituiscono il limone a spicchi nel tè. Dai semi nasce il bergamotto selvaggio, usato a volte come porta innesto in luogo dell'arancio amaro. Il frutto intero può essere candito; la polpa e gli scarti della buccia, che vengono chiamati "pastazzo", sono usati come alimento concentrato per gli animali d'allevamento, come<span> </span>suini<span> </span>o<span> </span>bovini<span> </span>da carne e latte. La buccia intera è usata al posto della carta da dolci, o per alcuni prodotti artigianali per realizzare souvenir (le famose tabacchiere); oppure, messa a macerare in alcool etilico, costituisce la base del liquore denominato<span> </span><i>bergamino</i><span> </span>o<span> </span><i>bergamello</i>. Il succo ricavato dal bergamotto maturo (giallo) è usato, a volte e in piccole quantità, dall'industria dei succhi di frutta per la sua nota amara.</p> <h3><span class="mw-headline" id="Profumi_e_dopobarba">Profumi e dopobarba</span></h3> <div class="thumb tright"> <div class="thumbinner"><img alt="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/cd/BergamotEssOil.png/150px-BergamotEssOil.png" decoding="async" width="150" height="228" class="thumbimage" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/cd/BergamotEssOil.png/225px-BergamotEssOil.png 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/cd/BergamotEssOil.png/300px-BergamotEssOil.png 2x" data-file-width="841" data-file-height="1280" title="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" /> <div class="thumbcaption"> <div class="magnify"></div> Olio essenziale di bergamotto</div> </div> </div> <ul> <li>essenza defurocumarinizzata: componente dell'acqua di Colonia, profumo bergamotto: alcool+bergamotto (1-10%)</li> </ul> <p>Secondo Gildemeister e Hoffmann, nel loro libro "Gli oli eterici" (<i>Die etherischen Öle</i>), il bergamotto venne introdotto fra il 1672 e il 1708. Nei registri commerciali dedicati all'Eau de Cologne della ditta profumiera<span> </span><i>Johann Maria Farina gegenüber dem Jülichs-Platz</i><span> </span>(ovvero "Giovanni Maria Farina di fronte alla piazza di Jülich"), altrimenti detta<span> </span><i>Farina Gegenüber</i>, si trovano testimonianze dell'acquisto di bergamotti a partire dal<span> </span>1714.</p> <p>A partire dal momento in cui il bergamotto viene nominato, precisamente nel 1750 quando venne piantato da un certo Nicolo Parisi, l'olio di bergamotto è divenuto una componente essenziale per l'industria profumiera e, in particolare, dona all'Acqua di Colonia<span> </span>la sua fragranza tipica.</p> <p>La raccolta del bergamotto ha come fine quasi esclusivo la produzione dell'essenza. L'olio eterico di bergamotto viene ricavato dalla buccia del piccolo frutto giallo-arancio. Originariamente i frutti venivano pressati a mano (sfumatura), successivamente con presse di legno, mentre oggigiorno il processo è stato meccanizzato. Per produrre un litro d'olio sono necessari 200 chili di bergamotti.</p> <p>L'essenza di bergamotto è utilizzata nella creazione di numerose<span> </span>fragranze.<sup id="cite_ref-15" class="reference">[15]</sup><sup id="cite_ref-16" class="reference">[16]</sup><sup id="cite_ref-17" class="reference">[17]</sup></p> <h3><span class="mw-headline" id="Alcoolici">Alcoolici</span></h3> <ul> <li>Il<span> </span><i>Bergamino</i><span> </span>(15% di frutto intero e fino al 40% di alcool), che ha ottenuto la qualifica di<span> </span>prodotto agroalimentare tradizionale.<span> </span><sup id="cite_ref-18" class="reference">[18]</sup></li> <li>L'<i>amaro al bergamotto</i>, con erbe aromatiche e ad elevata percentuale alcolica.</li> <li>L'<i>elisir digestivo al bergamotto</i>, detto anche<span> </span><i>Amarotto</i>, a bassa percentuale alcolica.</li> <li>La<span> </span><i>crema di bergamotto</i>, ottenuta da un infuso di scorze di bergamotto e<span> </span>crema di latte.</li> <li>La<span> </span><i>grappa</i><span> </span>aromatizzata al bergamotto.</li> </ul> <h3><span class="mw-headline" id="Gastronomia">Gastronomia</span></h3> <p>Il suo uso nell'alimentazione risale almeno all'aprile del 1536, come risulta dal «menu di magro» offerto all'imperatore<span> </span>Carlo V, di passaggio per Roma, dal cardinale<span> </span>Lorenzo Campeggi<sup id="cite_ref-19" class="reference">[19]</sup>.</p> <p>La scorza di bergamotto, se opportunamente trattata, ad esempio messa in<span> </span>salamoia<span> </span>e poi unita al succo, può essere utilizzata per aromatizzare primi<span> </span><sup id="cite_ref-20" class="reference">[20]</sup><span> </span>e secondi piatti , ma anche dolci come la celebre<span> </span><i>Torta Nosside</i>. Altri prodotti dolciari ricavati dal bergamotto sono le<span> </span><i>caramelle</i><span> </span>e le scorzette<span> </span>candite.</p> <p>L'aroma dell'olio di bergamotto è utilizzato per aromatizzare il<span> </span>tè, nella variante denominata<span> </span>Earl Grey, o per ricavarne un profumato e raffinato<span> </span>sorbetto.</p> <h3><span class="mw-headline" id="Bevande_gassate">Bevande gassate</span></h3> <div class="thumb tright"> <div class="thumbinner"><img alt="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/b/ba/Bibite_al_bergamotto_%282019%29.jpg/220px-Bibite_al_bergamotto_%282019%29.jpg" decoding="async" width="220" height="108" class="thumbimage" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/b/ba/Bibite_al_bergamotto_%282019%29.jpg/330px-Bibite_al_bergamotto_%282019%29.jpg 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/b/ba/Bibite_al_bergamotto_%282019%29.jpg/440px-Bibite_al_bergamotto_%282019%29.jpg 2x" data-file-width="1280" data-file-height="630" title="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" /> <div class="thumbcaption"> <div class="magnify"></div> Bibite al bergamotto (2019)</div> </div> </div> <div class="thumb tright"> <div class="thumbinner"><img alt="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/c9/Bergood_%282019%29.jpg/110px-Bergood_%282019%29.jpg" decoding="async" width="110" height="196" class="thumbimage" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/c9/Bergood_%282019%29.jpg/165px-Bergood_%282019%29.jpg 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/c9/Bergood_%282019%29.jpg/220px-Bergood_%282019%29.jpg 2x" data-file-width="720" data-file-height="1280" title="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" /> <div class="thumbcaption"> <div class="magnify"></div> Bergood (2019)</div> </div> </div> <p>Tra le numerose bevande gassate in bottiglia e lattina prodotte negli ultimi 10 anni ci sono: il<span> </span><i>Bergò</i>, il Bergotto ed il Bergood.</p> <h3><span class="mw-headline" id="Succo_di_frutta">Succo di frutta</span></h3> <div class="thumb tright"> <div class="thumbinner"><img alt="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/94/Succo_di_melagrana_e_bergamotto_%282019%29.jpg/110px-Succo_di_melagrana_e_bergamotto_%282019%29.jpg" decoding="async" width="110" height="196" class="thumbimage" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/94/Succo_di_melagrana_e_bergamotto_%282019%29.jpg/165px-Succo_di_melagrana_e_bergamotto_%282019%29.jpg 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/94/Succo_di_melagrana_e_bergamotto_%282019%29.jpg/220px-Succo_di_melagrana_e_bergamotto_%282019%29.jpg 2x" data-file-width="720" data-file-height="1280" title="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" /> <div class="thumbcaption"> <div class="magnify"></div> Succo di melagrana e bergamotto (2019)</div> </div> </div> <p>Il succo di bergamotto è usato come amaricante nei succhi di altri agrumi. Viene venduto in bottiglia di vetro da solo o mescolato col<span> </span>melograno</p> <h3><span class="mw-headline" id="Digestivo">Digestivo</span></h3> <ul> <li>In forma di elisir a basso contenuto alcolico.</li> </ul> <h3><span class="mw-headline" id="Aromaterapia">Aromaterapia</span></h3> <ul> <li>Olio essenziale: l'odore dell'olio essenziale di bergamotto<span> </span>è persistente e penetrante e annulla l'odore degli altri profumi; si usa mettere un bergamotto intero nel frigorifero, raschiandone la buccia con una forchetta periodicamente ogni due settimane, per eliminare i cattivi odori; basta qualche goccia di essenza nella vaschetta dei caloriferi o nella bacinella del liquido per lavare i pavimenti per aromatizzare per alcuni giorni gli ambienti.</li> </ul> <h3><span class="mw-headline" id="Pulizia_personale">Pulizia personale</span></h3> <ul> <li>Essenza defurocumarinizzata: è un ottimo pulente da colle sintetiche, grasso e catrame.</li> </ul> <h3><span class="mw-headline" id="Abbronzante">Abbronzante</span></h3> <ul> <li>Olio essenziale: utilizzato negli anni 60/70 in Calabria, al 2% in olio naturale (mandorla, cocco), risulta essere un amplificatore dell'abbronzatura; tale effetto è dovuto al<span> </span>bergaptene, che stimola la produzione di<span> </span>melanina; tale pratica è da considerarsi rischiosa.</li> </ul> <h2><span class="mw-headline" id="Aspetti_medici">Aspetti medici</span></h2> <table class="vedi-anche noprint"> <tbody> <tr> <td><img alt="Magnifying glass icon mgx2.svg" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/87/Magnifying_glass_icon_mgx2.svg/20px-Magnifying_glass_icon_mgx2.svg.png" decoding="async" width="20" height="20" class="noviewer" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/87/Magnifying_glass_icon_mgx2.svg/30px-Magnifying_glass_icon_mgx2.svg.png 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/87/Magnifying_glass_icon_mgx2.svg/40px-Magnifying_glass_icon_mgx2.svg.png 2x" data-file-width="286" data-file-height="280" /></td> <td><i>Lo stesso argomento in dettaglio:<span> </span><b>Bergamotto (aspetti medici)</b></i>.</td> </tr> </tbody> </table> <table class="noprint disclaimer"> <tbody> <tr> <td> <div class="center"> <div class="floatnone"><img alt="Avvertenza" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f7/Nuvola_apps_important.svg/27px-Nuvola_apps_important.svg.png" decoding="async" title="Avvertenza" width="27" height="23" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f7/Nuvola_apps_important.svg/41px-Nuvola_apps_important.svg.png 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f7/Nuvola_apps_important.svg/54px-Nuvola_apps_important.svg.png 2x" data-file-width="600" data-file-height="500" /></div> </div> </td> <td><i>Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico:<span> </span>leggi le avvertenze.</i></td> </tr> </tbody> </table> <p>La letteratura scientifica sul<span> </span><i>Citrus bergamia Risso</i><span> </span>o bergamotto, è molto ampia. Il bergamotto ha diverse proprietà terapeutiche riconosciute, tra queste:</p> <ul> <li>Anestetico</li> <li>Antisettico e antibatterico</li> <li>Antimalarico</li> <li>Antidislipemico</li> </ul> <h2><span id="Contraffazione_dell.27essenza_di_bergamotto"></span><span class="mw-headline" id="Contraffazione_dell'essenza_di_bergamotto">Contraffazione dell'essenza di bergamotto</span></h2> <div class="thumb tright"> <div class="thumbinner"><img alt="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/22/Comparison_of_bergamot_oils_using_GC-MS_analysis_with_enantiomeric_column.png/350px-Comparison_of_bergamot_oils_using_GC-MS_analysis_with_enantiomeric_column.png" decoding="async" width="350" height="242" class="thumbimage" srcset="//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/22/Comparison_of_bergamot_oils_using_GC-MS_analysis_with_enantiomeric_column.png/525px-Comparison_of_bergamot_oils_using_GC-MS_analysis_with_enantiomeric_column.png 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/22/Comparison_of_bergamot_oils_using_GC-MS_analysis_with_enantiomeric_column.png 2x" data-file-width="600" data-file-height="415" title="Semi di bergamotto (Citrus bergamia)" /> <div class="thumbcaption"> <div class="magnify"></div> Gascromatografia chirale di essenza genuina di bergamotto (alto) e di distillato di foglie di bergamotto (<i>peratoner</i>)</div> </div> </div> <p>L'olio essenziale di bergamotto<span> </span>è particolarmente soggetto a<span> </span>contraffazioni<span> </span>essendo una essenza pregiata prodotta in quantità relativamente piccole. Generalmente la contraffazione consiste nel "tagliare" l'essenza, ovvero nell'aggiungere distillati di essenze di scarsa qualità e basso costo, ad esempio di<span> </span>arancia amara<span> </span>e di<span> </span>menta bergamotto<span> </span>e/o miscele di<span> </span>terpeni<span> </span>naturali o sintetici, o nel "ricostruire" l'essenza a partire da prodotti chimici di sintesi, colorandola con<span> </span>clorofille. A livello mondiale ogni anno si commercializzano circa tremila tonnellate di essenza dichiarata di bergamotto, mentre l'essenza genuina di bergamotto prodotta annualmente ammonta a non più di cento tonnellate.<sup id="cite_ref-21" class="reference">[21]</sup></p> <p>L'utilizzo dell'analisi gascromatografica<span> </span>con<span> </span>colonne<span> </span>aventi una fase stazionaria<span> </span>chirale<span> </span>consente di analizzare miscele di<span> </span>enantiomeri. L'analisi della distribuzione enantiomerica di vari composti, quali<span> </span>acetato di linalile<span> </span>e<span> </span>linalolo, permette la caratterizzazione dell'essenza di bergamotto in base al processo produttivo e consente di scoprire l'eventuale contraffazione dell'essenza.</p> </body> </html>
V 21 CB
Semi di bergamotto (Citrus bergamia)

Varietà dall'America

Semi di barbabietola da...

Semi di barbabietola da...

Prezzo 1,75 € SKU: P 8
,
5/ 5
<meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> <h2><strong>Semi di barbabietola da zucchero Authority</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 20 semi.</strong></span></h2> <p>Barbabietola da zucchero - resistente al freddo, cultura amante della luce, moderatamente esigente per la fertilità del suolo. La barbabietola da zucchero offre rese stabili ed è facile da trasportare. La barbabietola da zucchero ama il calore, la luce e l'umidità.</p> <p>La quantità di zucchero nel frutto dipende dal numero di giorni di sole in agosto - ottobre. La barbabietola da zucchero viene utilizzata non solo per la produzione di zucchero ma anche per l'alimentazione degli animali.</p> <p>La temperatura ottimale per la germinazione dei semi è di 10–12 ° C e per la crescita e lo sviluppo di 20–22 ° C. I germogli sono sensibili al gelo.</p> <p>Vendemmia: 75-100 giorni<br />Peso radice: 500-850 g.<br />Contenuto di zucchero: 18-21%<br />Profondità di semina: 2-3 cm.</p> <p>10-15 ° C.</p>
P 8 (20 S)
Semi di barbabietola da zucchero Authority
100 Semi di Peperoncino Habanero Rosso 5.45 - 3

100 Semi di Peperoncino...

Prezzo 5,45 € SKU: C 19 R
,
5/ 5
<h2>100 Semi di Peperoncino Habanero Rosso (Capsicum chinense)</h2> <h2><span style="color:#ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 100 semi.</strong></span></h2> <div>Considerato tra i più piccanti. Frutto carnoso di colore arancio-salmone a maturazione. Pianta cespugliosa di circa 60/70 cm di altezza. Necessita di una temperatura di almeno 15 °C.</div> <div>Si semina in serra calda e si trapianta finite le gelate a cui è molto sensibile. Predilige esposizione al sole, modesto consumo idrico.</div> <div>Sesto d'impianto: almeno 60 cm tra pianta e pianta. Si ibrida facilmente con il capsicum  annuum.</div>
C 19 R (100 S)
100 Semi di Peperoncino Habanero Rosso 5.45 - 3

Questa pianta è pianta medicinale
Semi di He shou wu, Fo-Ti (Polygonum multiflorum) 4.95 - 1

Semi di He shou wu, Fo-Ti...

Prezzo 3,95 € SKU: MHS 110
,
5/ 5
<h2><span style="font-size:14pt;"><strong>Semi di He shou wu, Fo-Ti (Polygonum multiflorum)</strong></span></h2> <h2><span style="font-size:14pt;color:#ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 5 semi.</strong></span></h2> <p>Il He Shou Wu, nativo della cina centro meridionale,  è un estratto di radice polverizzata di Polygonum multiflorum (detta anche Fallopia multiflora), utilizzato da millenni dalla medicina tradizionale cinese per prevenire i segni dell'invecchiamento. Detta anche Fo-Ti, ha effetto principalmente come coadiuvante nel recupero e nel mantenimento delle facoltà cerebrali, aiuta la memoria, ed è un valido supporto per gli stati di ansia, stress, insonnia e nervosismo, agendo come tonico a livello del sistema nervoso centrale. La sua forza deriva dalla notevole capacità di purificare il corpo tramite la pulizia del rene e del fegato, che a turno puliscono il sangue.  Infatti, secondo la Medicina Cinese Tradizionale, l'He Shou Wu agisce centrando l'energia del Qi a livello del fegato e del sangue, con un'azione dunque disintossicante e depurativa, ed è spesso indicata in caso di stitichezza, infiammazioni ed intossicazioni Ottima anche per i dolori articolari, (soprattutto zona lombare e ginocchia) ed in generale per mantenere giovane l'organismo, è ricca di sostanze antiossidanti naturali, che combattendo l'azione dei radicali liberi, prevengono l'insorgenza di stati infiammatori e dolorosi, aumentando al contempo la lucidità mentale.</p> <p>Controindicazioni: va però posta attenzione nel caso di soggetti affetti da patologie del fegato (insufficienza, cirrosi, epatite), perché l'uso è in questo caso da considerarsi controindicato, così come in gravidanza ed in età pediatrica.</p> <p>Principi Attivi: Antrachinoni, antrone, acido crisofanico, emodina, reina, fiscione, digitoluteina, lecitine, rapontina, beta-sitosterolo, catechine, cianidine, calcio, ferro, zinco. manganese grassi..</p> <p>Utile in caso di: Stitichezza, anti-invecchiamento, stati d’ansia e nervosismo, infiammazioni, dolori articolari, intossicazioni, stati di stress, insonnia, recupero della memoria, calo dell’attenzione.</p> <p>La versione in pezzi della radice va utilizzata in decotto: 5 gr per tazza da 300 ml (bollire per 10 minuti)</p> <p>Curiosità: Il significato della parola he Shou Wu in cinese è traducibile come “il signor Wu ha sempre i capelli neri”, a rappresentare il fatto che secondo la tradizione, quest’erba previene l’incanutimento dei capelli impedendo agli individui di invecchiare. Secondo la leggenda infatti, un famoso generale condannato a morire di fame fu chiuso in una cella per oltre un anno. Quando i suoi carcerieri aprirono la cella però, scoprirono con grande stupore che non solo il valoroso soldato non era morto, ma che non era invecchiato di un solo giorno, nutrendosi solamente con questa prodigiosa radice che cresceva attraverso un muro della sua prigione.</p> <p>Uso: Mezzo o un cucchiaino da caffè 2 volte al giorno, miscelato in frullati, bevande, yogurt, cosparso sui cereali o altre pietanze purché fredde. Aumentare la dose fino a 3 volte al giorno in caso di stipsi. in caso di prodotto in pezzi, usare  un pezzo in decotto per mezzo litro d'acqua da bere due volte al dì.</p> <p>Attenzione:  I risultati possono variare da soggetto a soggetto e non possono in ogni caso essere garantiti nella loro totale efficacia. Le informazioni riportate non sono intese come prescrizioni mediche.</p> <p>Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.</p>
MHS 110 (5 S)
Semi di He shou wu, Fo-Ti (Polygonum multiflorum) 4.95 - 1