ultimi ordini

  •  
    Stef, Waalwijk, Netherlands
  •  
    Dušan, KRAVANY NAD DUNAJOM, Slovakia
  •  
    Arno, Ehrenkirchen, Germany
  •  
    Costas, LARNACA , Cyprus
  •  
    Fulvio francesco, Santa Domenica Talao, Italy
  •  
    william, Dun, France
  •  
    Aymeric , Saint tricat, France
  •  
    Ricard, Sant Celoni, Spain
  •  
    Maureen, Enniscorthy Co Wexford , Ireland
  •  
    Paul, St. Vigil in Enneberg (BZ), Italy
  •  
    Ricardo jorge , Viseu , Portugal
  •  
    Radosav, Kragujevac, Serbia
  •  
    Sylvie, Neyruz, Switzerland
  •  
    Julien, Scionzier, France
  •  
    Zoran, Vinca, Serbia
  •  
    Josef, Hochdorf-Assenheim, Germany
  •  
    Davide, London, United Kingdom
  •  
    Kimberly, Victoria, Gozo, Malta
  •  
    Saša , Beograd, Serbia
  •  
    Ewa, Galway, Ireland
  •  
    Ioannis , Kato Achaia, Greece
  •  
    Samuele, Milano, Italy
  •  
    Dubravka, Niš , Serbia
  •  
    Theodoros, Grevena, Greece
  •  
    goderis, bredene, Belgium
  •  
    Vickie, SARONA, United States
  •  
    Maria, ÓBIDOS / LEIRIA, Portugal
  •  
    Emmanuel, Dijon, France
  •  
    Henri , Koumac, New Caledonia
  •  
    Manuel , Mülchi, Switzerland

Più venduti

Ci sono 885 prodotti.

Visualizzati 1-12 su 885 articoli
Semi di bacche di GOJI NERO 1.85 - 3

Semi di Goji Nero (Lycium...

Prezzo 1,85 € SKU: V 36 B
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Goji Nero (Lycium ruthenicum murr)</strong></h2> <h2><span style="color:#ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 10 semi.</strong></span></h2> <p>Il Rarissimo Goji Nero dalle inestimabili proprietà benefiche</p> <p>L’arbusto della Lycium Ruthenicum Murr cresce spontaneamente nel’Asia Centrale, nel Caucaso ed in alcune aree del Tibet, e non viene coltivato; le bacche vengono quindi raccolte singolarmente allo stato brado, in un periodo che va da maggio ad ottobre (il frutto è una bacca violacea sferica di dimensioni fra i 4 e i 9 mm di diametro).</p> <p>Il Goji Nero ha un contenuto straordinario di proteine, aminoacidi, vitamine (in particolare A, C, ed E), flavonoidi, composti bio-attivi, acidi grassi essenziali e sali minerali, e presenta il livello in assoluto più alto al mondo di proantocianidine (OPC), la cui efficacia antiossidante è equivalente a 20 volte la vitamina E ed a 50 volte la vitamina C.</p> <p>I più recenti studi scientifici condotti sulle antocianidine ne hanno dimostrato ineguagliabili proprietà terapeutiche nella prevenzione del cancro, perché impediscono l'angiogenesi, ossia la formazione delle cellule tumorali nei vasi capillari che apportano ossigeno. E’ possibile consultare la letteratura medica e le pubblicazioni scientifiche su questo argomento dal Journal of Pharmaceutical Technology &amp; Drug Research. Ricordiamo che nei testi della Medicina Tradizionale Tibetana, il Wild Black Goji è classificato come erba medicinale.</p> <p>Le bacche possono essere utilizzate direttamente per la preparazione di infusi immergendone una decina per qualche minuto in acqua calda. La tisana così preparata potrà essere bevuta a piccoli sorsi ogni giorno, migliorando fra l’altro la qualità del sonno e la vista e riducendo la stanchezza fisica e mentale.</p> <p>Da nostre analisi e test in condizioni professionali risulta una percentuale di germinazione del 88%</p> <p>Trattasi di un risultato assolutamente eccezionale data la provenienza selvatica delle bacche.</p>
V 36 B (10 S)
Semi di bacche di GOJI NERO 1.85 - 3

Prodotto più venduto
Semi di Papaya o Papaia Nana Indiano Miniatura

Semi di Papaya o Papaia...

Prezzo 3,00 € SKU: V 22 M
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Papaya o Papaia Nana Indiano Miniatura</strong></h2> <h2><strong><span style="color:#ff0000;">Prezzo per confezione da 10 , 100 semi.</span></strong></h2> <div><strong>Papaya Nano è una papaia in rapida crescita si raggiunge solo 170 cm a 200 cm ma orsi frutti grandi come 1 kg in 6-8 mesi dal seme.</strong></div> <div></div> <div>La Papaya (Carica papaya L.) è una pianta originaria dell'America Centrale, molto duffusa in Brasile e nelle Isole Hawaii. Nel Mediterraneo viene coltivata in Israele e, in Italia, solo in Sicilia, dove deve essere coltivata, nel periodo invernale, sotto serra, con notevoli problemi per la produzione.</div> <div>Appartiene alla Famiglia delle Caricaceae, genere Carica, specie Papaya L.</div> <div>Pianta suberacea, generalmente monocaule, con foglie grandi e con lungo picciolo. </div> <div>La papaya presenta una biologia fiorale molto complessa.</div> <div>Vi sono piante dioiche e piante con fiori ermafroditi.</div> <div>Se il polline dei fiori ermafroditi feconda oosfere di piante ermafrodite o femminili, si ottengono piante con fiori ermafroditi o femminili, mentre se il polline di piante maschili feconda oosfere di piante femminili, si hanno piante maschili, femminili ed ermafrodite. Il dimorfismo dei fiori è molto evidente; infatti quelli femminili, solitari o riuniti in piccoli gruppi e ascellari, sono di colore giallo chiaro, mentre quelli maschili, inseriti su lunghi racemi ascellari, hanno una corolla monopetala giallo chiara a forma di tubo. Il frutto è una bacca caratterizzata da forma e dimensioni molto variabili, più o meno aranciato che racchiude piccoli semi neri, ricoperti da una pellicola mucillaginosa.</div> <div>Varietà</div> <div>Le varietà di maggiore interesse sono "Solo", "Kapoho Solo" e "Sunrise", tutte con frutti di peso inferiore ai 0,5 kg.</div> <div>Tecniche colturali</div> <div>E' una pianta estremamente esigente nei confronti del terreno, che deve essere sciolto e permettere una rapida percolazione dell'acqua al fine di evitare marciumi radicali e al colletto; la temperatura non deve mai scendere sotto i 0°C.</div> <div>La Papaya è propagata per seme, allevata secondo forme naturali e con sesti di 3 x 3 metri; non richiede operazioni di potatura. Concimazioni: 120/130 g/pianta di azoto, 80 g di fosforo e 140 g di potassio. Trae beneficio particolare dalla concimazione organica. Le piante, una volta attuato l'impianto, possono essere capitozzate e rinnovate con uno dei tanti germogli.</div> <div>Produzioni</div> <div>La raccolta dei frutti viene effettuata a mano, da novembre a giugno. Le produzioni possono raggiungere anche i 150 q.li/ha.</div> <div> <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"><tbody><tr><td colspan="2" width="100%" valign="top"> <p><span><strong>Sowing Instructions</strong></span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Seeds / Cuttings</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>all year round</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>0.5 cm</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>about 25-28 ° C</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>2-4 Weeks</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><span>regular watering during the growth period + dry between waterings</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p><span><strong> </strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p><br /><span><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. All Rights Reserved.</em></span></p> </td> </tr></tbody></table></div>
V 22 M
Semi di Papaya o Papaia Nana Indiano Miniatura

Semi di Canna da Zucchero o Cannamele (Saccharum officinarum) 3.5 - 1

Semi di Canna da Zucchero o...

Prezzo 3,50 € SKU: MHS 11
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Canna da Zucchero o Cannamele</strong></h2> <h2><span style="color:#ff0000;"><strong>Prezzo per confezione in 10 semi.</strong></span></h2> <p>Saccharum officinarum L., comunemente nota come canna da zucchero o cannamele, è una pianta tropicale, originaria delle regioni indomalesi, appartenente alla famiglia delle Poaceae (Graminacee). Può essere usata come alimento immediato, estraendone il succo attraverso spremitura, oppure nella produzione del dolcificante più diffuso: lo zucchero.</p> <p><strong>Descrizione</strong></p> <p>Saccharum officinarum è una pianta tropicale perenne, a portamento cespuglioso, che raggiunge in media i 4-5 metri d'altezza, anche se alcune specie superano i 6 metri. La pianta presenta un rizoma duro ed angoloso, dal quale spuntano numerosi steli legnosi intervallati da nodi. Più che di fusti, nella canna da zucchero si parla di culmi, tipicamente cavi, paragonabili a quelli del bambù: ogni pianta è costituita da un fusto principale ramificato in numerosi culmi aerei.</p> <p>Il culmo presenta un diametro variabile dai 3 ai 5 centimetri, in grado di raggiungere – od oltrepassare – anche i 10 chili di peso. Il colore, variabile a seconda della specie e della varietà, può essere giallo, violaceo, verde o rossiccio. Gli steli sono rivestiti da foglie molto lunghe e verdi, lanceolate ed incastrate su nodi con una guaina che avvolge il culmo. I fiori, molto simili a quelli di avena e frumento, sono riuniti in infiorescenze chiamate pannocchie, che possono raggiungere anche dimensioni piuttosto consistenti (90 cm). Lo zucchero è ricavato da un fluido sciropposo presente all'interno del fusto.</p> <p><strong>La coltivazione</strong></p> <p>La canna da zucchero è una pianta tropicale perenne che ha bisogno di un clima umido e caldo, ha portamento cespuglioso e raggiunge in media i 4-5 metri d'altezza, anche se alcune specie superano i 6 metri. Lo zucchero si accumula nel midollo che riempie il fusto chiamato culmo tipicamente cavo, paragonabile a quello del bambù: ogni pianta è costituita da un fusto principale ramificato in numerosi culmi aerei. Il culmo presenta un diametro variabile dai 3 ai 5 centimetri, in grado di raggiungere e oltrepassare anche i 10 chili di peso. Il colore, variabile a seconda della specie e della varietà, può essere giallo, violaceo, verde o rossiccio. Gli steli sono rivestiti da foglie molto lunghe e verdi, lanceolate ed incastrate su nodi con una guaina che avvolge il culmo. I fiori, molto simili a quelli di avena e frumento, sono riuniti in infiorescenze chiamate pannocchie, che possono raggiungere anche dimensioni piuttosto consistenti (90 cm). Lo zucchero è ricavato da un fluido sciropposo presente all'interno del fusto.</p> <p>La riproduzione della pianta avviene generalmente per talee, prelevate dalla sommità dei fusti, quasi contemporaneamente al raccolto e messe a dimora in buche distanti tra loro circa un metro e mezzo per facilitare la sarchiatura. Il trapianto deve avvenire a metà primavera e necessita un'abbondante quantità idrica cosicché, nei mesi successivi, si possa accumulare una cospicua quantità di zucchero all'interno della linfa. È doveroso puntualizzare che, al momento della raccolta per la successiva estrazione dello zucchero, il culmo non dev'essere strappato, ma reciso in basso, lasciando indenne la radice: in questo modo, il fusto è in grado nuovamente di crescere e di svilupparsi e, l'anno successivo, è pronto per una nuova raccolta. Infatti, alla canna da zucchero sono necessari 12 mesi per raggiungere la completa maturazione; non mancano certo le eccezioni: in alcune zone, la pianta impiega 24 mesi per maturare completamente, mentre in altre 6 mesi sono sufficienti.</p> <p><strong>Dove si può coltivare</strong></p> <p>Il clima preferito dalla canna da zucchero è quello caldo-umido e perciò viene coltivata soprattutto nei caldi paesi tropicali, dove vi è anche una notevole abbondanza di piogge e una temperatura non inferiore ai 20°. Quanto al terreno, deve essere di natura argilloso-silicea. In Italia, solo alcune zone della Sicilia sono favorevoli alla coltivazione di questa pianta.</p>
MHS 11 (10 S)
Semi di Canna da Zucchero o Cannamele (Saccharum officinarum) 3.5 - 1
Semi di Bambù Gigante Madake (Phyllostachys bambusoides)  - 3

Semi di Bambù Gigante...

Prezzo 1,95 € SKU: B 6
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><span style="font-size: 14pt;"><strong>Semi di Bambù Gigante Madake (Phyllostachys bambusoides)</strong></span></h2> <h2><span style="color: #ff0000; font-size: 14pt;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 5 semi.</strong></span></h2> <p>Anche se nativo della Cina, le stupefacenti proprietà meccaniche e la capacità di adattarsi a varie zone climatiche, hanno portato il Phyllostachys Bambusoides a diffondersi da secoli in buona parte dell’asia, principalmente in Giappone, dove è il Bambù Gigante più coltivato e utilizzato. Dal Giappone viene infatti il suo nome più famoso: Madake, che tradotto dal Giapponese significa Bambù Comune. In occidente è conosciuto anche come Japanese Timber Bamboo, ovvero Bambù Giapponese da Legname.</p> <p>In tutta l’Asia la canna grezza è utilizzata da secoli per la costruzione di strutture portanti, in Giappone era essenziale per le coperture dei grandi templi e palazzi, e ancora oggi è l’unico materiale con cui si realizzano i flauti tradizionali Buddhisti (Shakuhachi), e le spade per combattere nell’arte marziale del Kendo (Shinai).</p> <p>Dalla seconda metà del 900 si è diffuso nel resto del mondo per utilizzi industriali, principalmente negli Stati Uniti e in Australia.</p> <p><strong>Descrizione</strong></p> <p>Il bambù gigante  Madake  è una specie che prospera principalmente in climi temperati, ma può sopportare – senza alcuna modificazione genetica – temperature da+40° a – 26° C.</p> <p>Resiste alle gelate, e per la sua resistenza meccanica può sopportare carichi di neve sulle sue cime senza spezzarsi o piegarsi, come succede con altre specie endemiche di zone più calde.</p> <p>Il Madake può sopportare neve o sole cocente per mesi, e questo lo ha portato a diffondersi in un’ ampia zona del pianeta.</p> <p>Queste caratteristiche  fanno del bambù gigante Madake uno dei principali candidati per la coltivazione in tutta Italia.</p> <p>Riduce l’effetto serra, combattendo il riscaldamento globale: i bambuseti sono fabbriche di fotosintesi, riducono i gas responsabili dell’effetto serra, infatti le piante di bambù gigante assorbono circa 5 volte la quantità di biossido di carbonio e producono circa il 35% in più di ossigeno, a parità di proporzioni, di una foresta di latifoglie o conifere.</p> <p>Un ettaro di Bambù gigante Madake cattura in un anno 17 tonnellate di carbonio, grazie all’enorme e perenne superficie fogliare.</p> <p>La presenza massiccia di silicio e carbonio assorbito dall’atmosfera, fa sì che i suoi germogli debbano essere bolliti per il consumo alimentare, onde eliminare il retrogusto amaro che hanno da crudi. Questo tipo di trattamento è comunque comune a tutte le specie di Bambù, unica eccezione è il Phyllostachys Dulcis, detto anche Sweetshoot (Germoglio Dolce), proprio perchè è l’unica specie che può essere consumata cruda.</p> <p>L’aspetto più sorprendente del bambù gigante Madake è rappresentato dalle straordinarie proprietà meccaniche: la resistenza a tensione delle sue fibre può toccare i 12.000 kg/cm2,  quasi due volte quella dell’acciaio, supera addirittura il calcestruzzo nella resistenza a compressione. Sta diventando sempre più competitivo sul mercato delle costruzioni green e per le sue caratteristiche un laboratorio di ricerca di Singapore, costituito da un team svizzero-asiatico, il Future cities laboratory, in collaborazione con l’Istituto federale svizzero di tecnologia di Zurigo, sta testando il bambù nel cemento armato, proprio al posto dell’acciaio.</p> <p>Altri valori:</p> <p>Resistenza meccanica alla compressione: 780 kg/cmq</p> <p>Resistenza meccanica alla trazione: 2480 kg/cmq</p> <p>Peso specifico: 700 kg/m3</p> <p>L’altezza dei culmi di una piantagione avviata, va dai 15 ai 20 metri.</p> <p>Il diametro varia da 8 ai 15 cm.</p> <p>É la specie di bambù gigante con il tempo di fioritura più lungo: 130 anni circa. La fioritura, per un Bambuseto equivale a una “morte momentanea“: i culmi si seccano per lasciare luce e spazio alla nuova generazione, ma i semi cadono sul terreno riformando il bambuseto nel giro di pochi anni, senza l’intervento dell’uomo.</p> <p>L’ultima fioritura del bambù gigante Madake è avvenuta nel 1970, per cui, se la natura lascia il suo ciclo invariato, la prossima fioritura avverrà nel 2100.</p> <p>I germogli completano la loro crescita diventando fusti in soli 60/90 giorni.</p> <p>La qualità del suo legno è superiore – per durezza, resistenza meccanica e durabilità – a quella del Rovere.</p> <p>I culmi si sviluppano con diametro uguale dalla base alla punta, senza deformazioni tipiche di altre specie di Bambù Gigante.</p> <p>Il Madake è la specie di Bambù Gigante con il maggiore spessore della parete legnosa. Per fare un esempio, un culmo di Dendrocalamus Giganteus (la specie più grande in assoluto) di 25/30cm di diametro, generalmente ha una parete legnosa dello stesso spessore di un culmo di Madake di 12/15cm.</p> <p>I germogli possono pesare fino a 1 kg, e rappresentano un prelibato alimento, ricco di minerali e vitamine, apprezzato dalla cucina orientale ed occidentale. E’ d’obbligo precisare che i germogli di grande pezzatura si riscontrano in foreste adulte dopo opportuni diradamenti atti ad ottenere culmi di grande dimensione e altezza, adatti per il legname.</p> <p>Relativamente più lento nella crescita rispetto ai Bambù giganti impiantati in zone tropicali, resta comunque una delle piante a più rapida crescita nel mondo, fra le prime specie dei climi temperati.</p> <p>E’ anche ignifugo: quando il bambù è verde difficilmente brucia, anche se fosse ha la forza necessaria, grazie alla rete di rizomi e al fogliame molto alto, per continuare a generare nuove canne ogni anno.</p> <p>Il bambù gigante Madake contiene sostanze naturali antibatteriche e antimicotiche che bloccano lo sviluppo di dannosi parassiti e non richiede l’utilizzo di pesticidi.</p> <p><strong><em>Ambiente e coltivazione</em></strong></p> <p><strong>1. Tipologia del terreno</strong></p> <p>Il bambù gigante Madake si adatta a quasi tutte le tipologie di terreno, fra le varie specie di Phyllostachys esportate nel mondo è quella con le capacità di adattamento più elevate. Cresce bene anche in montagna: le foreste di Madake si estendono dai tropici alle regioni più temperate: Cina, Giappone, Himalaya, Europa e Nord America, con una distribuzione che va dal livello del mare fino a 4000 mt di altitudine.</p> <p>Essendo un Phyllostachys di tipo Runner, i rizomi “strisciano” ad una profondità di 20-30 cm. e pertanto non necessita di terreni profondi, può essere coltivato anche in presenza di bancate rocciose e falde acquifere.</p> <p>Sono da evitare terreni non drenanti con ristagni d’acqua in superficie e terreni confinanti con stagni salmastri.</p> <p>Viene usato anche per risanare terreni o acque reflue inquinate, per via dei suoi effetti “fitodepurativi”.</p> <p>Il Madake prospera anche in terreni leggermente alcalini e sopporta il calcare, sempre che non sia dominante.</p> <p>Il terreno ideale per coltivare la maggior parte dei Phyllostachys di tipo Runner è un terreno fresco, leggero e ben drenato con pH variabile da leggermente acido a neutro, fino ad arrivare ad uno leggermente alcalino. Il bambù gigante Madake è comunque la specie di bambù  che meglio si adatta alle varie composizioni di terreno.</p> <p>Come per tutti i Bambù che superano i 2 metri di altezza, è altamente consigliata l’esposizione a pieno sole</p> <p><strong>2. Preparazione del terreno</strong></p> <p>Praticare un’aratura come quella effettuata solitamente per il grano: aratura (profondità 40/50cm.) da effettuare una sola volta 1-2 mesi prima dell’impianto.</p> <p>La concimazione di fondo, soprattutto organica, anche se non indispensabile a bambuseto maturo, è indicata per accelerare lo sviluppo ed ottenere buoni risultati di produzione.</p> <p>Noi consigliamo comunque una concimazione NPK in autunno e primavera: studi effettuati negli USA (vedi world bamboo organisation ) hanno documentato la necessità di dette concimazioni per ottimizzare l’accrescimento. E’ necessario però farsi assistere da esperti perchè una dose errata di fertilizzante può portare a scompensi e rallentamenti della crescita.</p> <p>Per contenere il bambuseto è sufficiente realizzare dei fossi perimetrali di circa 60-70 cm. di profondità.</p> <p>Oltre al fosso perimetrale, è bene realizzare dei sentieri di  3-4 metri di larghezza per consentire il trasporto dei culmi durante la raccolta.</p> <p><strong>3. Messa a dimora delle piantine</strong></p> <p>Eccetto i periodi di gelo intenso, il bambù gigante Madake può essere trapiantato in tutte le stagioni.</p> <p>Il periodo migliore è alla fine dell’estate e nel corso dell’autunno. Il terreno in quel periodo è sufficientemente riscaldato per permettere uno sviluppo rapido del sistema ipogeo. L’autunno, inoltre, è il periodo di crescita dei rizomi e in poco tempo il bambù attecchisce.</p> <p>Praticare buche della grandezza pari alla dimensione dei vasi;</p> <p>Dopo aver svasato e messo a dimora la pianta nel terreno, effettuare una concimazione organica localizzata a ridosso delle piante;</p> <p>Effettuare una pacciamatura attorno alle piante;</p> <p>Si consiglia la semina di azotofissatori come  erba medica, trifoglio o favino per contenere lo sviluppo delle erbe infestanti. Essendo una graminacea dominante,  le infestanti verranno completamente eliminate dal bambù durante il suo sviluppo;</p> <p>La necessità di irrigazione dovrà essere valutata in base alle condizioni climatiche della zona di coltivazione. Se vengono impiantate piante madri con rizoma già formato (consigliabile per assicurare l’attecchimento e ridurre notevolmente il sesto d’impianto e relativo costo), l’irrigazione può essere effettuata anche a pioggia, almeno sino a quando lo consentirà l’altezza della vegetazione.</p> <p>L’irrigazione è necessaria solo nei primi 2/3 anni di vita.</p> <p>Dal secondo anno in poi, il rinnovo delle foglie rappresenta una vera e propria pacciamatura e concimazione naturale: marcendo sul terreno, le foglie producono humus ed allo stesso tempo proteggono l’apparato radicale dal freddo e dalla siccità.</p> <p>Dal quarto anno in poi, l’irrigazione è consigliata solo in casi di grave siccità (4/5 mesi senza precipitazioni).</p> <p><strong>4.1 Sesti di impianto</strong></p> <p>I sesti realizzabili differiscono notevolmente in funzione della specie e, soprattutto, se vengono impiantate piantine radicate di pochi mesi, oppure piante madri fornite di apparato rizomatico già formato e pronto a produrre nuovi germogli. Il rizoma già formato garantisce un attecchimento immediato, con conseguente perdita di piante pari a zero.</p> <p>L’attecchimento immediato  garantisce un veloce sviluppo di nuovi rizomi che inevitabilmente ci daranno nuovi germogli fin dal primo anno di insediamento delle piante, senza dover aspettare 3 o 4 anni se si mettono a dimora piantine di 20 o 30 cm.</p> <p>Precisiamo che le piantine senza apparato rizomatico vengono ottenute per micropropagazione in ambiente asettico.</p> <p>Questa tecnica è sconsigliata dalla world bamboo organization perchè, una volta trasferite in campo, le piantine sono esposte a microorganismi patogeni prima che sviluppino le proprie difese naturali. Ciò può pregiudicare l’attecchimento e comunque ne rallenta la crescita.</p> <p>In Italia vengono proposti sesti che vanno dal 3 x 3 sino al 20 x 20. Se facciamo riferimento all’esperienza e alle continue sperimentazioni condotte negli USA (riteniamo attendibili soprattutto quelle praticate nell’Oregon con condizioni climatiche simili alle nostre), il sesto più adottato è 20 x 20: 400 mq a disposizione di ogni pianta madre con apparato rizomatico già sviluppato.</p> <p>Il rizoma della pianta madre, trova così lo spazio ed il terreno fertile di cui necessita, senza entrare in competizione con le altre piante.</p> <p>Per maggior chiarezza precisiamo che un sesto 5×5 produrrà molti germogli, ma nessun culmo commerciale per legname perchè lo spazio a disposizione di ogni pianta madre non ne consente lo sviluppo.</p> <p>I culmi di bambù gigante raggiungono altezze più grandi di anno in anno, aumentandone anche il diametro: vale a dire che i culmi del 4° anno saranno molto più grossi di quelli del secondo.</p> <p><strong>4.2 L’espansione della piantagione avviene nel modo seguente:</strong></p> <p>una pianta madre alta circa 2,5 metri, con 4 canne, produce tre nuovi germogli in primavera che raggiungeranno un’altezza di 3 metriRunner Propagation - ABS in 2 mesi.</p> <p>Il secondo anno queste sette canne produrranno da 5 a 10 nuovi germogli che raggiungeranno circa 5 metri di altezza con un aumento del diametro proporzionale all’altezza .</p> <p>Andando avanti al 4° anno, questa pianta avrà prodotto 60 culmi abbastanza robusti da raggiungere 15 metri di altezza. Questo perché i germogli si sviluppano in proporzione alla robustezza del rizoma e si comportano come se fossero una singola pianta madre.</p> <p>Dall’anno successivo il rizoma generato dalla prima pianta madre avrà raggiunto la robustezza necessaria per produrre germogli sempre più grossi con culmi che supereranno i 20 metri e che avranno un diametro ed uno spessore da legno pregiato.</p> <p>Facciamo bene i conti, considerando una produzione di soli 3 germogli: al quarto anno abbiamo 1200 culmi da almeno 15 metri di altezza (20×60);</p> <p>• Al quinto anno ciascuno di essi produrrà almeno 3 nuovi germogli (3×1200) = 3.600 culmi più robusti e più alti della pianta madre che li ha generati, + 1200 genitori = 4800;</p> <p>• Al sesto anno i 4.800 culmi, se lasciati sul campo, produrranno altri 14.400 germogli che diventeranno culmi da oltre 20 metri di altezza entro 60/90 giorni.</p> <p>• Dopo 6 anni avrai ottenuto 19.200 piante ! Una buona parte l’avrai già collocata sul mercato, anche per lasciare spazio ai nuovi germogli che diventeranno culmi in pochi mesi.</p> <p>Se si intende sfruttare il bambuseto privilegiando la produzione di germogli, si può giustificare un sesto molto fitto (5 x 5), ma si otterranno comunque dei germogli di pezzatura medio-piccola.  Una recente tendenza – diretta alla sola produzione di germogli alimentari – è quella di disporre le piante al centro del terreno da colonizzare: i rizomi si svilupperanno verso la periferia trovando sempre terreno fertile.</p> <p>Dal punto di vista della redditività, si consideri che da un kg. di germogli si ricavano circa 2 euro, mentre da un culmo se ne ricavano almeno 12.</p> <p>Il culmo di Madake ha una vita media di circa 20/25 anni, ciò significa più del doppio degli altri phyllostachys, infatti i culmi di altre specie hanno una vita che varia dai 5 ai 10 anni. La raccolta può essere effettuata a partire dal 3° anno dopo l’emergenza.</p> <p>La piena maturità del bambuseto di Madake si raggiunge tra i 6 e 8 anni in funzione del tipo di terreno, delle condizioni climatiche e colturali.</p> <p><strong>5.Coltivazione e gestione di un bambuseto</strong></p> <p>Il bambù gigante Madake, dopo la messa a dimora non necessita di cure particolari:</p> <p>è sufficiente assicurare il fabbisogno idrico.</p> <p>non necessita di potature</p> <p>nessuna aratura del terreno (anzi, è da evitare per non danneggiare i rizomi).</p> <p>una corretta concimazione annuale è consigliata sino a raggiungimento della maturità del bambuseto, per accelerarne lo sviluppo.</p> <p>Proprio perché non sottrae tempo prezioso, questo tipo di coltura è indicato per diversificare la produzione e trasformare la propria attività in azienda multireddito.</p> <p><strong>Raccolta e trasformazione del prodotto</strong></p> <p><strong>Germogli e Foglie</strong></p> <p>La raccolta dei germogli per uso alimentare rappresenta una sana potatura.</p> <p>I germogli completano la loro crescita diventando culmi in circa 60/90 giorni.</p> <p>Una volta sviluppata la parte “legnosa”, il germoglio non è più commestibile.</p> <p>Se tutti i germogli prodotti dal bambuseto venissero lasciati crescere, solo alcuni di essi diventerebbero culmi di grandi dimensioni: il bambuseto si autoregola in base alla proprie capacità di nutrire le nuove canne. Anche per questo motivo non concordiamo con chi propone sesti d’impianto troppo fitti.</p> <p>Il bambù gigante Madake produce i primi germogli già dal primo anno e se ne può iniziare la raccolta dopo soli 3 anni.</p> <p>In Sardegna la raccolta si effettua in primavera, a partire dal mese di aprile, sino a giugno.</p> <p>La trasformazione industriale dei germogli consente la produzione di creme alimentari e conservazione sottolio, come qualche coltivatore sta già facendo .</p> <p>Le foglie, in campo alimentare sono utilizzate per tisane, bevande, infusi.</p> <p>Le foglie, in campo cosmetico/farmaceutico sono utilizzate per  creme, shampoo, unguenti e simili.</p> <p>Esiste anche un mercato per le foglie essiccate, che vengono vendute come spezia aromatizzante</p> <p>In media, da un bambuseto viene raccolto circa il 30% dei culmi ogni anno.</p> <p>Il taglio, in Sardegna, può essere effettuato in autunno/inverno, indicativamente da ottobre a febbraio.</p> <p>Per il taglio è sufficiente una comune motosega leggera.</p> <p>L’attesa per il primo taglio dei culmi, varia a seconda della destinazione d’uso: il coltivatore può scegliere i tempi e le modalità di rientro del suo investimento:</p> <p>Per destinarlo a produzione di pellet, biomassa o multistrati leggeri, i culmi di Madake possono essere tagliati già dal terzo-quarto anno, mentre per altre specie è necessario attendere 6 – 8 anni.</p> <p>Il taglio annuale dei culmi rappresenta il 25% – 30% del totale.  Con un ettaro di bambù gigante Madake si producono circa 1000 q.li di biomassa; con il legno tradizionale per avere le stesse quantità bisognerebbe abbattere 20 ettari di bosco.</p> </body> </html>
B 6 (5 S)
Semi di Bambù Gigante Madake (Phyllostachys bambusoides)  - 3
Semi di Hawaiian Baby Woodrose (Argyreia nervosa) 1.95 - 1

Semi di Hawaiian Baby...

Prezzo 2,35 € SKU: T 25 (1g)
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Hawaiian Baby Woodrose (Argyreia nervosa)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;" class=""><strong>Prezzo per Pacchetto di 1g (+-10) semi.</strong></span></h2> <p><i style="font-size: 14px;"><b>Argyreia nervosa</b></i><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><small>(Burm.f.) Bojer</small><span style="font-size: 14px;">, detta anche</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><i style="font-size: 14px;"><b>Hawaiian Baby Woodrose</b></i><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14px;">è una</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>liana<span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14px;">perenne della</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>famiglia<span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>Convolvulaceae<span style="font-size: 14px;">. Nativa del</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>subcontinente indiano<span style="font-size: 14px;">, è stata introdotta in altre aree geografiche, fra cui le</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>Hawaii<span style="font-size: 14px;">, l'</span>Africa<span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14px;">e i</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>Caraibi<span style="font-size: 14px;">. Ha una natura infestante ma viene apprezzata per il suo valore estetico. Ne esistono due</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>varietà<span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14px;">botaniche:</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><i style="font-size: 14px;">Argyreia nervosa</i><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14px;">var.</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><i style="font-size: 14px;">nervosa</i><span style="font-size: 14px;">, qui descritta, e</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><i style="font-size: 14px;">Argyreia nervosa</i><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14px;">var.</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><i style="font-size: 14px;">speciosa</i><span style="font-size: 14px;">, usata nella medicina</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>ayurvedica<span style="font-size: 14px;">, dal potenziale psicoattivo praticamente nullo. I semi di Argyreia nervosa contengono amide dell'</span>acido lisergico<span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14px;">(LSA) o</span><span style="font-size: 14px;">&nbsp;</span>ergina<span style="font-size: 14px;">, proprietà condivisa da altri convolvoli.</span></p> <div> <h2><span class="mw-headline" id="Storia">Storia</span></h2> <p><i>Argyreia nervosa</i><span>&nbsp;</span>è un raro caso di pianta le cui proprietà psicoattive<span>&nbsp;</span>allucinogene<span>&nbsp;</span>sono state riconosciute per la prima volta da non-indigeni. Mentre altri convolvoli come<span>&nbsp;</span><i>Ipomoea violacea</i>,<span>&nbsp;</span><i>Ipomoea tricolor</i><span>&nbsp;</span>e<span>&nbsp;</span><i>Rivea cyrombrosa</i><span>&nbsp;</span>sono usati da secoli in riti sciamanici in<span>&nbsp;</span>America Latina,<span>&nbsp;</span><i>Argyreia nervosa</i><span>&nbsp;</span>non è stata mai identificata tradizionalmente come allucinogeno.</p> <p>Le sue proprietà furono portate all'attenzione della comunità scientifica solo dal 1960 in avanti, nonostante il fatto che la composizione chimica dei suoi semi sia praticamente identica a quelle delle specie sopra menzionate e già conosciute, anche se con una concentrazione di alcaloidi psicoattivi decisamente maggiore (da 8 a 10 volte).</p> <p>La medicina ayurvedica indiana invece contempla la varietà<span>&nbsp;</span><i>speciosa</i>, utilizzandone le radici e le foglie, prive di alcaloidi psicoattivi, per le proprietà antisettiche e anti-infiammatorie.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Descrizione">Descrizione</span></h2> <p><i>Argyreia nervosa</i><span>&nbsp;</span>presenta delle<span>&nbsp;</span>foglie<span>&nbsp;</span>ovali piatte e profondamente cordate, con una fine peluria biancastra sul verso inferiore, lunghe dagli 8 ai 10 cm. I<span>&nbsp;</span>fiori<span>&nbsp;</span>sono ampi, a campana profonda, di colore bianco con venature rosate, dalla caratteristica consistenza coriacea (da cui il nome<span>&nbsp;</span><i>woodrose</i>, rosa di legno) e permangono sulla pianta a lungo. Possono assumere anche colorazione purpurea o violacea.</p> <p>Il<span>&nbsp;</span>frutto<span>&nbsp;</span>ovoide è duro e legnoso, di circa 1 cm di diametro, e contiene grappoli di 4 o 6<span>&nbsp;</span>semi<span>&nbsp;</span>molto duri, di forma oblunga e spigolosa, dall'aroma caratteristico.</p> <p>Ogni seme contiene circa 0,25 mg di LSA. Altri alcaloidi isolati sono il<span>&nbsp;</span>lisoergolo, l'ergometrina<span>&nbsp;</span>e l'isoergina.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Impiego_e_consumo">Impiego e consumo</span></h2> <p>La particolare bellezza delle infiorescenze la suggerisce come pianta ornamentale da esterno. Essendo una pianta di origine tropicale, tuttavia, teme il freddo ed è quindi difficile ottenere uno sviluppo apprezzabile in climi temperati.</p> <p>I semi vengono generalmente consumati per alterare lo stato di coscienza ed indurre un effetto allucinatorio in chi li usa.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Assunzione_ed_effetti">Assunzione ed effetti</span></h2> <table class="noprint disclaimer"> <tbody> <tr> <td> <div class="center"> <div class="floatnone"><img alt="Avvertenza" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/f7/Nuvola_apps_important.svg/27px-Nuvola_apps_important.svg.png" title="Avvertenza" width="27" height="23"></div> </div> </td> <td><i>Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio:<span>&nbsp;</span>leggi le avvertenze.</i></td> </tr> </tbody> </table> <p>L'assunzione a scopo ricreativo prevede l'ingestione a stomaco vuoto di una quantità di semi variabile, da 4 a 10, da cui dipende la profondità dell'esperienza. Gli effetti psicoattivi iniziano a farsi percepibili dopo circa 60 o 90 min (ma il tempo è variabile da soggetto a soggetto) e sono inizialmente accompagnati da un forte senso di nausea causato dal rivestimento setoso e dalla parte coriacea dei semi. L'effetto della nausea tende a svanire del tutto in 30 - 60 min, durante i quali comincia la fase di<span>&nbsp;</span><i>salita</i><span>&nbsp;</span>dell'esperienza , che raggiunge il<span>&nbsp;</span><i>plateau</i><span>&nbsp;</span>dopo circa 1 ora dai primi sintomi di alterazione. L'esperienza psichedelica ha durata variabile a seconda della quantità di semi ingerita e della costituzione personale dell'individuo, ma generalmente dura dalle 4 alle 5 ore, cui sussegue la fase di attenuazione dello stato allucinatorio e la scomparsa degli effetti.</p> <p>Gli effetti dell'ergina contenuta nei semi sono paragonabili a quelli dell'acido lisergico<span>&nbsp;</span>anche se di intensità minore. Sul piano fisico, si manifestano con un abbassamento della pressione sanguigna e la dilatazione della pupilla. Gli effetti sulla psiche invece comprendono una generica alterazione delle percezioni, soprattutto tattili, ma a dosaggi più elevati intervengono anche alterazioni della visione. Interviene un senso di euforia e di rinnovato interesse estetico verso le cose attorno. A dosi elevate è esperibile un senso di unità profonda con l'ambiente circostante. Sono frequenti visioni caleidoscopiche e geometriche ad occhi chiusi ed una forte alterazione del senso del tempo.</p> <p>Gli effetti sono estremamente variabili da soggetto a soggetto, e dipendono molto da set e<span>&nbsp;</span>setting. Un uso sconsiderato in stati d'animo negativi o ambienti ostili (luoghi affollati, con situazioni imprevedibili) può influenzare negativamente l'esperienza, favorendo l'insorgere di stati ansiosi e di un senso di confusione che spaventano il soggetto. A dosaggi estremamente elevati, lo stato ansioso può trasformarsi in una crisi di panico. Per evitare l'insorgenza di effetti spiacevoli, l'assunzione avviene solitamente in presenza di poche persone fidate che sappiano rassicurare in caso di bisogno chi dovesse manifestare sintomi di paura o ansia, in luoghi piacevoli e isolati, lontani dal quotidiano, e in momenti privi di preoccupazioni.</p> </div><script src="//cdn.public.n1ed.com/G3OMDFLT/widgets.js"></script>
T 25 (1g)
Semi di Hawaiian Baby Woodrose (Argyreia nervosa) 1.95 - 1
Esotici e rari Semi di Nero Fragola

Semi di Fragola Nera...

Prezzo 2,25 € SKU: V 1
,
5/ 5
<h2><strong>Semi di Fragola Nera Esotici e rari</strong></h2> <h2><strong><span style="color:#ff0000;">Prezzo per Pacchetto di 10 semi.</span></strong></h2> <p>Una deliziosa fragola nera che è completamente resistente. Perfetto per piccoli spazi o contenitori, produrrà un'abbondanza di piccoli frutti dolci, con un pizzico di ananas. Coltivazione pesante e facile da coltivare. Erba perenne densamente raggruppata con rami più dritti. 15-25 cm di altezza. Anthotaxy Cymose con polpa succosa. Richiede allentamento e diserbo a intervalli sul terreno fertile sciolto con ampi fertilizzanti organici. Favorisci il caldo e hai bisogno di umidità per vivere durante l'inverno.</p> <div> <div> <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"><tbody><tr><td colspan="2" width="100%" valign="top"> <h3 align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Istruzioni per semina</strong></span></h3> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Propagation:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Seeds</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Pretreat:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Stratification:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">0</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Sowing Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">all year round</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Sowing Depth:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Needs Light to germinate! Just sprinkle on the surface of the substrate + gently press</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Sowing Mix:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Coir or sowing mix + sand or perlite</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Germination temperature:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">20-25°C</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Location:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">bright + keep constantly moist not wet</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Germination Time:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">1 - 8 weeks</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><span style="color:#008000;"><strong>Watering:</strong></span></p> </td> <td valign="top"> <p align="center"><span style="color:#008000;">Water regularly during the growing season</span></p> </td> </tr><tr><td valign="top" nowrap="nowrap"> </td> <td valign="top"> <p align="center"><br /><span style="color:#008000;"><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena. </em><em>All Rights Reserved.</em></span></p> </td> </tr></tbody></table></div> </div>
V 1
Esotici e rari Semi di Nero Fragola

Semi Di Bambù Gigante  Resistenti -25 ° C

Semi Di Bambù Gigante...

Prezzo 2,15 € SKU: B 1
,
5/ 5
<h2><strong>Semi Di Bambù Gigante (Phyllostachys pubescens) Resistenti -25 ° C</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 10 o 20 semi.</strong></span></h2> <p>Pianta ad alto accrescimento che di solito si riproduce per stolone strisciante. La produzione di semi da parte delle specie di bambu è estremamente rara, per alcune specie avviene una volta ogni 100 anni. <span>La semina necessita di ambiente umido e tiepido, nonstante l'elevata germinabilità della semente. Le piante possono raggiungere, se adeguatamente curate, diversi metri di altezza o possono essere coltivate in vaso per un effetto pianta nana.</span></p> <p>Questo bambù gigante a piena maturta' raggiunge un'altezza di 30 metri. Nelle pianta adulte i culmi crescono a ritmi vertiginosi,possono allungare fino a 30 centimetri o più in un solo giorno. Una sostanza chiamata "latte di bambù" può essere ottenuta dai culmi che sarebbe sia uno stimolante e afrodisiaco naturale.</p> <p>Questo bambù è molto buono per il clima asciutto.</p> <p><strong>Legno</strong></p> <p>Ifusti principali sono generalmente legnosi, e quindi anche molto duri, cavi all’interno, ben distinti in nodi e internodi, talvolta spinosi, con ramificazioni per lo più sulla sommità. Le specie più grandi, nei paesi di origine, hanno importanza come materiale da costruzione, per costruire case, ponti, imbarcazioni; dalle ramificazioni si producono stuoie e ceste.</p> <p><strong>Importanza per gli animali</strong></p> <p>I Cina alcune specie di bambù costituiscono la dieta principale del Panda, che è il simbolo della più importante Associazione Naturalistica del mondo il W.W.F. Nei nostri giardini viene spesso utilizzato dalle Capinere come sito di nidificazione. </p> <p><strong>Curiosità</strong></p> <p>Il bambù è utile contro l’inquinamento;una piantagione può catturare fino a 17 tonnellate di carbonio per ettaro all’anno. Inoltre, il suo utilizzo è un’alternativa per preservare le foreste tropicali. Per la costruzione di mille case in Costarica andrebbero distrutti 560 ettari di foresta pluviale.Per lo stesso numero di case sarebbero sufficienti 60 ettari di una piantagione di bambù.</p> <p>E' difficile vedere un Bambù fiorito, anche allo stato spontaneo e nel paese d’origine: la fioritura, infatti, rappresenta un processo eccezionale che consuma energia e risorse nutritive, per cui spesso è seguita dalla morte dell’intera pianta. Si è osservato, per esempio, che tutte le Bambusa arundinacea di una determinata regione hanno un ciclo di circa 30 anni, fioriscono e danno semi, dopo di che molte piante muoiono. Nei nostri giardini è sovente collocata a ciuffi isolati in bella evidenza su tappeti verdi, vicino a specchi d’acqua, o a formare siepi compatte utili anche come frangivento. Alcune specie nane sono adatte al giardino roccioso.</p> <p>Il Nome botanico : Bambusa Vulgaris, Bambusa Arundinacea, Bumbusa Apous, Bumbusa Orientalls, Bumbusa Spinosa</p> <p>Il Nome popolare : Bambù</p> <p>Le parti usate: I germogli di bambù, l’Essudato di Bambù, Banshalochan, Tabasheer</p> <p>L’habitat naturale: India, nelle aree fino a 2100 slm .</p> <p>In italia la Bambusa può essere coltivata sia in serra che all’aria aperta.</p> <p>I germogli giovane sono dolci,e possono essere consumati come verdure.</p> <p><strong>Una siepe di sicuro effetto</strong></p> <p>La maggior parte dei bambù può essere allevata a siepe. I principali vantaggi delle siepi di bambù sono la rapidità di costituzione, la persistenza del fogliame, la duttilità di allevamento e l’omogeneità. Pochi altri vegetali possono competere in rapidità di crescita. È ragionevole aspettarsi un metro di incremento all’anno. I bambù sono sempreverdi ma hanno un colore primaverile e la leggerezza del fogliame che li rende unici. Una siepe di bambù può essere libera o tagliata. Il taglio può riguardare solo l’altezza o i fianchi, o ambedue le cose. Basta, comunque, un solo taglio all’anno, quando i nuovi fusti hanno terminato la loro fase di crescita. Con i bambù striscianti non esiste rischio di deperimento della siepe. Un incidente che danneggi la siepe richiede solo di tagliare i culmi danneggiati: la siepe si ricostituirà da sola come prima.</p> <p><strong>Uso in fitoterapia</strong></p> <p>L' interesse della fitoterapia moderna per questa singolare pianta è dato dal suo elevato contenuto in minerali altamente biodisponibili, in particolare in silicio. Il silicio è necessario per i tessuti connettivi e per la formazione della cheratina dei capelli, a cui conferisce al contempo resistenza e flessibilità. Stati carenziali sono stati riscontrati nei casi di minore elasticità della pelle e di indebolimento degli annessi cutanei (unghie e capelli). I livelli di silicio nell'organismo diminuiscono con l'età. Pur essendo largamente diffuso in natura, a causa della raffinazione degli alimenti, viene a mancare sempre più nell'alimentazione moderna. Il bambù (BAMBOO), è ricco di silicio fino al 75%, cioè ben 10 volte superiore a quello dell'equiseto, inoltre è facilmente assimilabile, costituisce la fonte preferenziale per l'integrazione orale. L'importanza di questo elemto come sostanza nutritiva essenziale per l'alimentazione umana è stata chiarita solo nel 1972, ad esso è riconosciuta la capacità di promuovere una corretta costituzione della pelle, dei legamenti, dei tendini, e delle ossa. Il nostro organismo metabolizza continuamente l'acido silicico, eliminandone circa 40 mg al giorno mediante l'escrezione urinaria, la crescita dei capelli e delle unghie. E' pertanto essenziale per mantenersi in salute reintegrare tali perdite. Con la vecchiaia la quantità di silice eliminata aumenta, pertanto una integrazione alimentare di estratto di BAMBOO può essere indicata per prevenire i danni di un invecchiamento precoce. IMPIEGO: Problemi articolari legati ad usura delle cartilagini dove sia richiesto di migliorare il trofismo osteoarticolare e come Remineralizzante in caso di fratture, osteoporosi, capelli e unghie fragili</p> <div><iframe width="640" height="385" src="https://www.youtube.com/embed/6ngy_TDW03c?rel=0&amp;hd=0" frameborder="0" class="embed-responsive-item"> </iframe></div>
B 1 (10 S)
Semi Di Bambù Gigante  Resistenti -25 ° C

Questa pianta ha frutti giganti

Semi di Giglio D'ACQUA GIGANTE - Lotus (Victoria amazonica) 2.25 - 11

Semi di Giglio D'ACQUA...

Prezzo 2,25 € SKU: F 78
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><span style="font-size: 14pt;"><strong>Semi di Giglio D'ACQUA GIGANTE - Lotus (Victoria amazonica)</strong></span></h2> <h2><span style="color: #f80101;"><strong><span style="font-size: 14pt;">Prezzo per Pacchetto di 1 semi.</span> </strong></span><span style="color: #f80303;"><strong> </strong></span></h2> <p><span>Victoria amazonica (Poepp.) Sowerby, 1850 è una pianta acquatica della famiglia delle Nymphaeaceae, originaria del bacino dell'Amazzonia.</span></p> <p><span>Ha foglie di dimensioni piuttosto grandi, fino ai 3 metri di diametro con gambi di 7-8 metri di lunghezza. La specie è nativa delle acque poco profonde del bacino del Rio delle Amazzoni. La prima notte dopo essere sbocciati, i suoi fiori sono bianchi, e dalla seconda notte in poi assumono una colorazione rosa; il loro diametro raggiunge i 40 cm e sono impollinati dai coleotteri.</span></p> <p><strong><span>Esposizione</span></strong></p> <p><span>Va esposta ai raggi diretti del sole</span></p> <p><strong><span>Fioritura</span></strong></p> <p><span>Avviene in estate</span></p> <p><strong><span>Concimazione</span></strong></p> <p><span>Non ha bisogno di concimazioni.</span></p> <p><strong><span>Potatura</span></strong></p> <p><span>Non ha bisogno di potature</span></p> <p><strong><span>Malattie</span></strong></p> <p><span>Possibile presenza di afidi da combattere con appositi medicinali. Questi parassiti danneggiano i magnifici fiori.</span></p> <p><strong><span>Particolarità</span></strong></p> <p><span>Va coltivata in acqua, non tollera il freddo, è la specie più grande della categoria ninfee.</span></p> <p><strong><span>Temperatura</span></strong></p> <p><span>La temperatura dell'acqua dev'essere tra i 21 e i 30°C., a seconda della specie.</span></p> <p><strong><span>Substrato</span></strong></p> <p><span>Va coltivata in grandi vasche riscaldate dove la profondità dell'acqua permetta una buona crescita</span></p> <h2><span>Come si semina e si coltiva la Victoria Amazonica</span></h2> <p><span>Si effettua tramite il metodo della semina. I semi vanno messi in vasetti con terricico da giardino, successivamente vanno immersi in acqua; quando le piantine sono maneggiabili, si trapiantano in vasi di dimensioni maggiori immergendoli in acqua ad una profondità di 45 cm ed una temperatura intorno ai 23°C. Con la comparsa del fogliame adulto va effetuato un rinvaso ed è possibile aumentare la profondità dell'immersione fino ad arrivare ad un metro.</span></p> <h2><span><strong>Video:</strong><br /></span></h2> <h2><strong><span style="color: #f40303;"><a href="https://www.youtube.com/watch?v=9HI0Aq-QGXM" target="_blank" class="btn btn-default" rel="noreferrer noopener"><span style="color: #f40303;"> How To Grow Lotus From Seeds </span></a></span><br /></strong></h2> </body> </html>
F 78
Semi di Giglio D'ACQUA GIGANTE - Lotus (Victoria amazonica) 2.25 - 11
Semi di ginestra odorosa...

Semi di ginestra odorosa...

Prezzo 1,75 € SKU: T 85
,
5/ 5
<meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> <h2><strong>Semi di ginestra odorosa (Spartium junceum)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per confezione da 10 semi.</strong></span></h2> <p><span>La </span><b>ginestra odorosa</b><span> (</span><i><b>Spartium junceum</b></i><span> </span>L.<span>) è una </span>pianta<span> della </span>famiglia<span> delle </span>Fabaceae<span>, tipica degli ambienti di </span>gariga<span> e di </span>macchia mediterranea<span>. È nota anche come </span><b>ginestra di Spagna</b><span>. È l'unica </span>specie<span> del </span>genere<span> </span><i><b>Spartium</b></i><span>.</span></p> <h2><span class="mw-headline" id="Descrizione">Descrizione</span></h2> <p>È una pianta a<span> </span>portamento<span> </span>arbustivo (alto da 0,5 a 3,00 m), perenne, con lunghi fusti. I<span> </span>fusti<span> </span>sono verdi cilindrici compressibili ma resistenti, eretti, ramosissimi e sono detti<span> </span><i>vermene</i>. Le<span> </span>foglie<span> </span>sono lanceolate, i<span> </span>fiori<span> </span>sono portati in<span> </span>racemi<span> </span>terminali di colore giallo vivo. L'impollinazione<span> </span>è<span> </span>entomogama. I<span> </span>frutti<span> </span>sono dei<span> </span>legumi; i<span> </span>semi<span> </span>vengono lasciati cadere per gravità a poca distanza dalla pianta madre.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Distribuzione_e_habitat">Distribuzione e habitat</span></h2> <p>Specie nativa dell'area del Mediterraneo, dal sud dell'Europa, al<span> </span>Nord Africa<span> </span>al<span> </span>Medio Oriente.<br />Risulta<span> </span>endemica<span> </span>in gran parte dell'areale<span> </span>del bacino del Mediterraneo. Cresce in zone soleggiate da 0 a 1200 m<span> </span>s.l.m.<br />Predilige i suoli aridi, sabbiosi. Può vegetare anche su terreni argillosi, purché non siano dominati dall'umidità e da acque stagnanti.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Coltivazione">Coltivazione</span></h2> <p>Il metodo più utilizzato è la propagazione per seme. La semina si effettua in autunno (settembre) o anche in primavera (da marzo a metà aprile). Per favorire un'elevata percentuale di germinabilità dei semi (circa il 90%) in un tempo piuttosto ridotto, è consigliabile uno dei seguenti trattamenti:</p> <ul> <li>cicli fisici di temperatura: acqua calda a 100 °C per 23 minuti, acqua a 60-65 °C per 30 minuti in acqua a 40 °C per 1 ora, acqua fredda per 40 ore.</li> <li>trattamenti chimici: immersione per 24 ore in una soluzione di NaHCO<sub>3</sub><span> </span>(bicarbonato di sodio) al 2%, 15 - 30 minuti in H<sub>2</sub>SO<sub>4</sub><span> </span>(acido solforico) concentrato con successivo lavaggio abbondante.</li> </ul> <p>I tagli di ringiovanimento sono di ostacolo alla fioritura e alla fruttificazione. Pertanto, se si vogliono ottenere fiori e semi, occorre lasciare inutilizzato, per alcuni anni (5 - 6), un numero adeguato di piante.</p> <h2><span class="mw-headline" id="Usi">Usi</span></h2> <ul> <li>Essendo una pianta che sviluppa le sue radici in profondità, può essere utilizzata per consolidare terreni.</li> <li>L'estratto assoluto dei fiori è una fragranza ricca ed opulenta che possiede una nota burrosa particolare. Viene prodotto per lo più a<span> </span>Grasse<span> </span>da fiori provenienti dalla<span> </span>Calabria.</li> <li>La concreta di ginestra è una sostanza cerosa intensamente profumata, di colore giallo bruno, ricorda il miele e la cera d'api, sia nel colore che nel profumo, la concreta viene ricavata a mezzo di solventi (esano) il prodotto finale è un miscuglio di oli essenziali, acidi grassi e cere.<span> </span><span class="chiarimento">La distillazione sottovuoto di questa sostanza fornisce un'essenza denominata<span> </span><i>genêt absolu</i>, ossia ginestra assoluta</span><sup class="noprint chiarimento-apice">[<i>non chiaro</i>]</sup>.</li> <li>Dalle vermene si estrae la fibra tessile.</li> </ul>
T 85 (10 S)
Semi di ginestra odorosa (Spartium junceum)
Semi di Pisello di farfalla (Clitoria ternatea) 2.65 - 6

Semi di Pisello di farfalla...

Prezzo 2,65 € SKU: VE 121
,
5/ 5
<h2 class=""><strong>Semi di Pisello di farfalla (Clitoria ternatea)</strong></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 5 semi.</strong></span></h2> <p>In Malesia i suoi fiori li usano per creare il nasi kerabu, un piatto in cui il protagonista è il riso blu. Ma anche il té blu o l’aceto blu sono molto utilizzati, per non parlare del dolce di riso blu. A dare a questi cibi la curiosa colorazione sono i fiori essicati dalla forte tonalità blu cina di una pianta rampicante esotica dalla crescita veloce e vigorosa: la Clitoria ternatea. Chiamata Butterfly Pea, questa pianta estremamente decorativa si può seminare facilmente in vaso anche da noi. Si tratta di una pianta, perenne e sempreverde nelle regioni ad inverno mite, con cui è possibile ricoprire piccoli pergolati, che fiorisce per tutta la bella stagione. E una parte dei bei fiori potrete usarli in cucina, per creare dei piatti che impressioneranno sicuramente i vostri ospiti…</p> <p>&nbsp;</p> <p>La Clitoria è una rampicante volubile che appartiene alla famiglia delle leguminose, con delle belle foglie verde medio, che inizia a fiorire nel giro di poco più di due mesi dalla semina. La forma dei fiori è assai curiosa, come indica il nome, spiccatamente femminile. Esiste a fiore semplice, ma ancora più decorativa (e un poco più rara) a fiore doppio: e il suo blu intenso non passa mai inosservato! Per ottenere la colorazione, totalmente naturale, basta bollire in poca acqua una manciata di fiori essicati, assolutamente commestibili.</p> <h2>COME COLTIVARE LA CLITORIA</h2> <p>La clitoria si può seminare in vaso come in terra a partire dal mese di maggio, o comunque da quando la temperatura si stabilizza al di sopra dei 10-15 gradi. I semi si trovano anche online su Ebay. In vaso si può usare terriccio universale mischiato a torba con uno strato di un paio di centimetri di palline di argilla espansa sul fondo, per assicurare il defluire dell’acqua in eccesso. La posizione ideale è quella in cui riceve almeno mezza giornata di sole. Ricordatevi di fornire al seme sin da subito un sostegno su cui avvolgere il fusticino. Nelle zone al nord bisogna proteggerla in inverno.</p> <table cellspacing="0" cellpadding="0" border="1"> <tbody> <tr> <td colspan="2" width="100%" valign="top"> <h2 align="center">Istruzioni per semina</h2> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Semina:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">Semi</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Pretrattamento:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">scarificare con attenzione i semi con un coltello, o irruvidire con carta vetrata. Poi ammollo in acqua tiepida per 12 ore.</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Stratificazione:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">0</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Periodo di semina:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">tutto l'anno</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Semina Profondità:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">0,5 cm</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Semina Miscela:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">cocco o miscela semina + sabbia o perlite</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Temperatura di germinazione:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">25-28°C</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Localizzazione:</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">brillante + mantenere costantemente umido,</p> <p align="center"><strong>ma non bagnato!</strong></p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Tempo di Germinazione:</strong><strong></strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">3-6 settimane</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>Annaffiature:</strong><strong></strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center">acqua moderata + lasciare asciugare tra irrigazione</p> </td> </tr> <tr> <td width="36%" valign="top" nowrap="nowrap"> <p align="center"><strong>&nbsp;</strong></p> </td> <td width="63%" valign="top"> <p align="center"><strong><em>Copyright © 2012 Seeds Gallery - Saatgut Galerie - Galerija semena.&nbsp; All Rights Reserved.</em></strong></p> </td> </tr> </tbody> </table> <p>&nbsp;</p> <script src="//cdn.public.n1ed.com/G3OMDFLT/widgets.js"></script>
VE 121 (5 S)
Semi di Pisello di farfalla (Clitoria ternatea) 2.65 - 6
Semi di Rabarbaro gigante...

Semi di Rabarbaro gigante...

Prezzo 1,95 € SKU: UT 2
,
5/ 5
<div id="idTab1" class="rte"> <h2><span style="font-size: 14pt;" class=""><strong>Semi di Rabarbaro gigante (Gunnera manicata)</strong></span></h2> <h2><span style="color: #ff0000;"><strong>Prezzo per Pacchetto di 10 semi.</strong></span></h2> <div>Il genere Gunnera della famiglia delle Gunneraceae comprende numerose specie perenni, originarie del sud America, la cui particolarità è che si ritrovano sia specie stolonifere di piccole dimensioni che specie gigantesche arrivando ad avere foglie che misurano 3 m di larghezza e 9 m di lunghezza, ed anche di più ... dei giganti della natura!</div> <div>Sono delle magnifiche piante che possono essere allevate in zone paludose o comunque molto umide di un giardino dove altre specie stenterebbero a crescere.</div> <div>GUNNERA MANICATA</div> <div>La Gunnera manicata è una pianta che nei suoi luoghi di origine (Brasile) vive in ambienti molto umidi, vicino ai corsi d'acqua ed è caratterizzata da foglie molto grandi che possono crescere fino a 2 m di altezza x 3 m di lunghezza sorrette da un corto ma robusto piccolo che nasce da un corto fusto.</div> <div>TECNICA COLTURALE</div> <div>Le Gunnera sono piante che devono essere allevate all'aperto in quanto richiedono terreni profondi e fertili, molto umidi e zone soleggiate (riescono a vivere anche in zone ad ombra parziale).</div> <div>Il terreno che le ospita deve essere sempre umido, soprattutto durante il periodo estivo. Attenzione, le piante non devono stare dentro l'acqua!</div> <div>Al termine della fioritura, con l'arrivo dell'autunno occorre proteggere il fusto della pianta con una pesante pacciamatura (che si può realizzare anche utilizzando semplicemente le stesse foglie della pianta che seccandosi e cadendo nel terreno, rappresentano un ottimo pacciame) per tutto il periodo invernale che andrà rimossa in primavera, non appena il pericolo di gelate sarà passato.</div> <div>Per una buona riuscita di questa coltivazione occorre sempre tenere a mente che sono piante sub-tropicali pertanto adatte ad essere allevate in zone dove le temperature non sono troppo rigide.</div> <div>MOLTIPLICAZIONE</div> <div>La moltiplicazione delle Gunnera avviene per seme.</div> <div>MOLTIPLICAZIONE PER SEMI</div> <div>Se si prevede di fare la semina in vaso o in semenzaio, i semi vanno seminati in primavera in una composta formata da torba e sabbia in parti uguali.</div> <div>Il vassoio che contiene i semi va tenuto all'ombra, ad una temperatura intorno ai 16-21°C ed è fondamentale che il terriccio sia costantemente umido (usate uno spruzzatore per inumidire totalmente il terriccio) fino al momento della germinazione.</div> <div>Il vassoio va ricoperto con un foglio di plastica trasparente (o con una lastra di vetro) assicurato al vassoio con un elastico per evitare la perdita di umidità, che garantirà una buona temperatura ed eviterà un disseccamento troppo rapido del terriccio. Il foglio di plastica va rimosso ogni giorno per controllare il grado di umidità del terreno e togliere la condensa che si forma sulla plastica.</div> <div>Una volta che i semi hanno germogliato (in genere il tempo varia da due settimane a due mesi), si toglie il telo di plastica e si sposta la cassetta in una posizione più luminosa (non sole diretto) ed occorre aspettare almeno due mesi prima di trapiantare le piantine a dimora per darle il tempo di irrobustirsi. Ricordatevi di lasciare una distanza di 6-9 m tra e lungo la file in quanto le Gunnera possono crescere tanto.</div> </div><script src="//cdn.public.n1ed.com/G3OMDFLT/widgets.js"></script>
UT 2
Semi di Rabarbaro gigante (Gunnera manicata)
Semi di Gigante Cipolla The Kelsae 2 - 6

Semi di Gigante Cipolla The...

Prezzo 3,00 € SKU: MHS 147
,
5/ 5
<!DOCTYPE html> <html> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=UTF-8" /> </head> <body> <h2><strong>Semi di Gigante Cipolla The Kelsae</strong></h2> <h2><strong><span style="color: #ff0000;">Prezzo per Pacchetto di 8 o 15 semi.</span> </strong></h2> <p>110 giorni. Allium cepa. La pianta produce una gigantesca cipolla bianca dolce da 4 kg. La Kelsae Sweet Giant Onion detiene il Guinness World Record per la cipolla più grande del mondo a quasi 5 kg e 83 cm di diametro! Ha un sapore dolce delicato unico. Stupisci i tuoi vicini e prova a coltivare una cipolla dalle dimensioni da record mondiale. Varietà per lunghe giornate adatta alle regioni del Nord.</p> </body> </html>
MHS 147 (15 S)
Semi di Gigante Cipolla The Kelsae 2 - 6